mercoledì 22 febbraio | 00:16
pubblicato il 02/lug/2014 19:25

Ue: Fitto (FI), no a diktat imposti da Berlino

(ASCA) - Roma, 2 lug 2014 - ''Spiace constatare che sia Matteo Renzi sia il capogruppo del Ppe Manfred Weber siano su posizioni non condivisibili. Renzi predica bene (cioe' parla di flessibilita') ma purtroppo razzola male, perche' torna dai vertici europei con un pugno di mosche in mano. Glielo ha fatto notare nei giorni scorsi il ministro tedesco Schaeuble sul Financial Times, e ora anche il premier olandese Rutte, che ha rivendicato lo stop netto e senza appello imposto a Italia e Francia''. Lo scrive Raffaele Fitto, europarlamentare di Forza Italia, sul suo blog.

''Quanto a Weber - continua Fitto - mi sembra abbia parlato piu' da rappresentante della Germania che da rappresentante del Ppe. Credo che Forza Italia, in coincidenza con quanto abbiamo dichiarato in campagna elettorale, debba muoversi in modo distinto da entrambe le posizioni: distinti da Renzi, che - parole a parte - subisce totalmente i diktat di Berlino e Bruxelles, ma distinti anche da Weber, che si fa megafono di quei diktat''.

com-fdv

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Pd
Di Maio (M5s): elettori Pd disorientati, guardano a noi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia