lunedì 16 gennaio | 12:16
pubblicato il 06/nov/2013 18:34

Ue: deputati Pd, ha ragione Squinzi, politica intervenga su 3%

(ASCA) - Roma, 6 nov - ''Ha ragione il presidente di Confindustria: sul tetto del 3% nel rapporto deficit/pil serve un intervento politico altrimenti la crescita economica rimarra' un miraggio. Governo e parlamento devono raccogliere l'appello degli imprenditori e dare risposte prima che tutto il sistema produttivo collassi definitivamente''. E' quanto dichiarano i deputati del partito democratico Lorenza Bonaccorsi, Federico Gelli ed Ernesto Magorno. ''Il 3% e' un parametro anacronistico - spiegano i deputati - che di fatto impedisce la ripresa economica al nostro Paese. Sarebbe opportuno verificare a fondo le parole del presidente di Confindustria a proposito del rispetto di questo tetto: perche' solo alcuni paesi, come l'Italia, sono tenuti a garantirlo in maniera ferrea mentre altri possono restarne anche molto sopra, come detto da Squinzi? Senza far tornare a crescere il pil non sara' mai possibile rendere sostenibile il debito pubblico. Su questo il nuovo Partito democratico che verra' fuori dalle primarie dell'8 dicembre dovra' farsi sentire''. com-ceg

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Bersani: Renzi non ha capito lezione, così si sbatte di nuovo
Fca
Fca, Delrio: richiesta Germania a Ue del tutto irricevibile
Governo
Alfano: elezioni? Avanti finchè c'è carburante, senza psicodrammi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Il prototipo della nuova Civic Type R debutta al Salone di Tokyo
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
On line il sito del Fondo Astoi a tutela dei viaggiatori
Energia e Ambiente
Energia, Bellanova: Italia con Enea all'avanguardia internazionale
Moda
Milano Moda uomo, i quadri viventi di Antonio Marras
Scienza e Innovazione
Spazio, prima passeggiata spaziale per il francese Thomas Pesquet
TechnoFun
Arriva Switch, la nuova console trasformista di Nintendo
Sistema Trasporti
A Milano il car sharing DriveNow apre alle auto elettriche