lunedì 27 febbraio | 05:47
pubblicato il 22/gen/2014 12:58

Ue: Commissione vara nuovo 'pacchetto clima-energia',-40% al 2030 (1Upd)

(ASCA) - Bruxelles, 22 gen 2014 - La Commissione europea ha approvato il nuovo 'pacchetto clima-energia', contentente gli obiettivi di riduziione delle emissioni di gas serra al 2030.

La nuova proposta prevede una riduzione delle emissioni di anidridie carbonica (CO2) del 40% rispetto ai livelli del 1990, e un obiettivo vincolante a livello Ue per portare la quota delle energie rinnovabili al 27%. Non sono fissati nuovi target di efficienza energetica, la cui definizione viene lasciata alla revisione della direttiva sull'efficienza energetica, che si concludera' ''prevedibilmente entro la fine dell'anno'', si precisa nel testo approvato oggi.

Il pacchetto clima-energia 2030 propone inoltre una nuova governance basata su piani nazionali per un'energia competitiva, sicura e sostenibile. ''A breve'' la Commissione europea fornira' degli orientamenti sulla base dei quali gli Stati membri elaboreranno i loro piani nell'ambito di un approccio comune che - assicurano a Bruxelles - ''garantira' una maggiore certezza agli investitori e maggiore trasparenza, migliorando sia la coerenza sia i meccanismi di coordinamento e sorveglianza dell'Unione europea''.

Prevista inoltre una riforma del mercato europeo dei diritti di emissione (Ets). La Commissione europea propone di stabilire una riserva per la stabilita' del mercato all'inizio del prossimo periodo di scambio Ets, a partire quindi dal 2021. La riserva permettera' di affrontare da una parte l'eccedenza di quote di emissioni che si e' costituita negli ultimi anni, e di migliorare dall'altra la resistenza del sistema agli shock, regolando automaticamente la fornitura di quote da mettere all'asta. La creazione di una tale riserva si va ad aggiungere al rinvio di messa all'asta (''back-loading'') di 900 milioni di quote al 2019-2020.

Il pacchetto approvato oggi sara' oggetto di discussione in occasione del vertice dei capi di Stato e di governo dei paesi dell'Ue del 20 e 21 marzo prossimi. bne/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Veltroni: la sinistra divisa consegna l'Italia al polulismo
Pd
Renzi: D'Alema non ha mai digerito rospo, scissione Pd colpa sua
Governo
Governo, Alfano: non va stroncato per vicenda interna al Pd
Governo
Renzi: elezioni nel 2018, deciderà Gentiloni se votare prima
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech