lunedì 05 dicembre | 09:28
pubblicato il 25/set/2013 13:56

Ue: Coldiretti, accordo su Pac migliore di proposta iniziale

Ue: Coldiretti, accordo su Pac migliore di proposta iniziale

(ASCA) - Roma, 25 set - Un risultato che migliora nettamente la proposta iniziale con una riforma che va verso la sussidiarieta' ovvero la possibilita' degli Stati membri di applicare misure secondo i propri modelli di sviluppo agricolo. Finalmente una opportunita' straordinaria per premiare chi vive di agricoltura, il lavoro, la qualita', i giovani e il vero Made in Italy. E' quanto afferma in una nota il presidente della Coldiretti, Sergio Marini, nell'esprimere soddisfazione per l'accordo politico raggiunto dal team dei negoziatori di Parlamento, Consiglio e Commissione sulla proposta di regolamento di riforma della Politica agricola comune (Pac).

Oltre ai sensibili miglioramenti che sono stati ottenuti nel precedente accordo del 26 giugno, quali il sostegno per la promozione e lo sviluppo di filiere corte, l'inverdimento a tutela dei vigneti, frutteti ed uliveti italiani, sulla convergenza e per i giovani agricoltori, un ulteriore risultato positivo - ha sottolineato Marini - e' stato raggiunto anche per la decisione di applicare per la prima volta su base obbligatoria un tetto agli aiuti (Capping) per combattere le rendite fondiarie. L'accordo sulla riforma della Psc - ha continuato Marini - premiera' chi vive e lavora di agricoltura escludendo per la prima volta in una black list i soggetti che non hanno nulla a che fare con l'agricoltura e soprattutto prevedendo la possibilita' per l'Italia di destinare risorse ai soli agricoltori attivi.

Certamente rimane un taglio importante ai finanziamenti destinati all'agricoltura, ma l'applicazione nazionale demandata al ministro delle Politiche agricole, Nunzia De Girolamo, potra' compensare il disagio nell'orientare le risorse - ha continuato Marini - verso i veri agricoltori. Per la prima volta viene deciso di applicare, su base obbligatoria il capping (tetto agli aiuti), almeno al 5% per gli importi superiori a 150.000 euro, con la possibilita' di applicare una % di riduzione maggiore su base volontaria. Gli Stati membri possono graduare l'importo su cui applicare la percentuale di riduzione in base all'impiego del fattore lavoro comprese le imposte e i contributi sociali. Gli Stati membri possono, inoltre, decidere di applicare un pagamento ridistributivo a integrazione del pagamento di base per i primi ettari di ogni azienda.

Per quanto riguarda i giovani agricoltori - riferisce la Coldiretti - viene prevista l'obbligatorieta' per gli Stati membri di concedere un pagamento annuo alle persone fisiche che non hanno piu' di 40 anni di eta' nell'anno della presentazione della domanda del pagamento di base.

Inoltre, e' stato confermata la misura sul finanziamento alle assicurazioni contro le avversita' atmosferiche, nonche' la possibilita' di costituire fondi mutualistici in caso di crisi di mercato nelle sue molteplici forme e per le citate avversita' atmosferiche. Sempre nell'ambito dello sviluppo rurale e' prevista - conclude la Coldiretti - la possibilita' di avere al contempo piani di sviluppo rurale regionali e un piano nazionale per talune misure o interventi.

com-stt/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari