sabato 21 gennaio | 14:46
pubblicato il 27/nov/2013 13:46

Ue: Cisl Abruzzo-Molise, macroregione adriatico-ionica e' opportunita'

(ASCA) - Pescara, 27 nov - ''La strategia Ue per la Macroregione Adriatico-Ionica e' una opportunita' per il nostro Abruzzo, per il nostro Molise e per il Paese perche' favorirebbe la coesione e perseguirebbe un modello di nuova politica economica fondata sulla cooperazione interregionale, in funzione dello sviluppo di reti materiali ed immateriali e di maggiori scambi non solo economici''. Lo ha detto il segretario della Cisl AbruzzoMolise, Maurizio Spina. ''La Strategia Adriatico-Ionica - dice Spina - e' parte integrante della programmazione delle risorse finanziarie europee e nazionali destinate agli investimenti''.

La Cisl Nazionale, unitamente alle strutture interessate al progetto (La Cisl AbruzzoMolise, Puglia,Baslicata, Calabria,Sicilia, Trentino, Veneto, Emialia Romagna e Marche), ha presentato ai Presidenti delle Regioni interessate e alle Istituzioni nazionali impegnati nel processo di consultazione per la definizione della strategia, un documento ''la macroregione adriatico-ionica per lo sviluppo dell'Europa'', in cui individua degli obiettivi prioritari ed i relativi risultati attesi dal processo di costituzione della Macroregione. ''La strategia della Macroregione - spiega Spina - si interseca trasversalmente anche con i temi della ricerca ed innovazione, in particolare per lo sviluppo delle Pmi e della 'capacity building' per questo e' importante il potenziamento della collaborazione tra le Universita' dell'area da Nord a Sud e da Est a Ovest su ognuno dei temi sopra considerati e il rispetto delle persone, delle famiglie, delle comunita' locali e pertanto ritiene che tutte le azioni debbano essere mirate a creare occupazione sostenibile in termini di tutela e rispetto dei diritti delle lavoratrici e dei lavoratori e dell'acquisizione di competenze qualificate, continua il Segretario della Cisl AbruzzoMolise''.

''La Cisl propone un Forum di tutti i soggetti dell'area che favorisca la cooperazione ed il dialogo sociale della Macroregione Adriatica Ionica. In questa ottica il Piano d'azione dovrebbe prevedere specifici strumenti e risorse per favorire un efficace funzionamento del Forum, - conclude Spina -. E' fondamentale che anche le Regioni interessante inizino a collaborare tra di loro per garantire ai cittadini una strategia di sviluppo che guardi all'Europa''. red/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Renzi al Nazareno incontra big del partito
Maltempo
Rigopiano, Gentiloni: grazie a chi salva vite, forza e coraggio
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
M5s
Ue, Grillo: Alde? Si vergogni chi si è rimangiato la parola data
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4