venerdì 24 febbraio | 23:04
pubblicato il 31/gen/2013 16:13

Ue: Brunetta (Pdl), Monti fedele esecutore delle politiche di Merkel

Ue: Brunetta (Pdl), Monti fedele esecutore delle politiche di Merkel

(ASCA) - Roma, 31 gen - ''Assolutamente comprensibile l'endorsement di Angela Merkel al senatore a vita Mario Monti, che nei suoi 14 mesi di governo e' stato il perfetto esecutore della politica economica sbagliata della Germania, che non ha salvato ne' l'Italia ne' l'euro, ma certamente ha fatto guadagnare i tedeschi''. Lo dichiara in una nota Renato Brunetta. ''Negli anni di questa crisi - prosegue l'ex ministro - la Germania ha conseguito un doppio vantaggio. 1) In termini di tassi di interesse sui titoli del debito sovrano, che si sono piu' che dimezzati rispetto a maggio 2011 (passando dal 3% all'1%), a scapito degli altri paesi dell'eurozona. Con le inevitabili ricadute sui tassi ai quali possono finanziarsi le imprese tedesche, piu' bassi rispetto ai tassi di finanziamento offerti alle imprese degli altri Stati europei.

2) In termini di bilancia commerciale, vale a dire la differenza fra le esportazioni e le importazioni, con le prime che sono aumentate, in Germania negli anni della crisi, grazie a un ''euro tedesco'' di fatto sottovalutato. Al contrario di quanto avvenuto, invece, nei Paesi considerati piu' deboli, che con la moneta unica sopravvalutata rispetto ai propri fondamentali, non riescono ad esportare e a stimolare la crescita''.

Conclude l'ex ministro del Pdl: ''Il doppio guadagno conseguito dai tedeschi si e', pertanto, tradotto in un tasso di crescita del Prodotto Interno Lordo di gran lunga superiore rispetto agli altri Stati dell'Unione e alla stessa media europea. Nel 2012, per esempio, secondo i dati Eurostat, la Germania ha chiuso con un PIL a +0,7%; l'Italia a -2,3% e la media dell'eurozona a -0,3%.

Insomma, da questa crisi la Germania ha guadagnato, perche' altri paesi, come Italia e Spagna, hanno perso. Hanno perso perche' hanno dovuto subire passivamente le ricette economiche 'sangue, sudore e lacrime' imposte da Angela Merkel agli Stati sotto attacco speculativo.

In questo contesto, il senatore a vita Mario Monti e' stato il fedele esecutore delle volonta' egoistiche ed egemoniche della Germania, che con il suo comportamento, di fatto antieuropeo, ha portato l'eurozona alla recessione''. com-gar/mau/rl

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrosinistra
D'Alema: con Orlando segretario Pd si riaprirebbe dialogo
Ncd
Alfano: i moderati tornino uniti contro il populismo
Governo
Guerini: assurdo legare data primarie Pd a elezioni politiche
Campidoglio
Grillo: forza Virginia, giornalisti rispettino privacy Raggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech