domenica 04 dicembre | 09:14
pubblicato il 27/giu/2013 12:00

Ue/ Accordo Bilancio 2014-2020, Letta: Più ottimisti per vertice

Consiglio su disoccupazione inizia sotto i migliori auspici

Ue/ Accordo Bilancio 2014-2020, Letta: Più ottimisti per vertice

Bruxelles, 27 giu. (askanews) - L'accordo sul bilancio Ue 2014-2020 (Mff), annunciato questa mattina dai vertici delle istituzioni europee, è stato salutato dal presidente del Consiglio Enrico Letta, che è già a Bruxelles per partecipare al Consiglio europeo dedicato alla lotta alla disoccupazione, che inizierà questo pomeriggio. "Il Consiglio inizia sotto i migliori auspici", ha detto Letta parlando ai cronisti dopo un incontro bilaterale con il collega olandese Mark Rutte. L'accordo sull'Mff (Multiannual Financial Framework, ndr) "consente di andare in Consiglio europeo e di aprire la discussione sulla disoccupazione giovanile con più ottimismo", ha osservato Letta. "Ho parlato poco fa con Schulz e Barroso (i presidenti dell'Europarlamento e della Commissione europea, ndr) e mi sembra che sia stato fatto un passo avanti importante", ha concluso il premier.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari