domenica 22 gennaio | 21:56
pubblicato il 13/set/2013 18:57

Udc: Cesa, c'e' spazio per costruire area moderata

Udc: Cesa, c'e' spazio per costruire area moderata

(ASCA) - Chianciano Terme (Si), 13 set - ''Lo spazio per costruire finalmente un'area moderata in Italia si sta aprendo e noi, noi dell'Udc siamo e saremo un mattone indispensabile di questa costruzione. Senza di noi il fronte moderato non vince! E lo si e' visto nelle elezioni amministrative prima dell'estate - che hanno certificato con i numeri una nostra importante ripresa''.

Lo ha detto il segretario dell'Udc Lorenzo Cesa, aprendo la Festa popolare del partito a Chianciano Terme (Si).

Secondo Cesa, ''sono bastati pochi giorni dopo le elezioni per vedere sgretolato il rapporto tra il Pd ed il suo alleato piu' massimalista, Vendola. E sono bastati pochi giorni per vedere crollare l'alleanza tra il Pdl e la Lega. Pensavamo di poter essere noi a chiudere la stagione del bipolarismo sbracato degli ultimi venti anni, con la cultura delle alleanze e delle larghe intese. E invece e' stato Grillo a farlo, con l'antipolitica, la voglia di chiudere si' una stagione ma prima di tutto con una protesta anziche' con una nuova proposta''. Pero', ''la sordita' del movimento di Grillo, il suo ostinato rifiuto di fare qualcosa di concreto per il Paese oltre a salire sui tetti, dimostra che e' arrivato davvero il momento per l'Italia di provare a trasformare il proprio sistema politico in una sana e moderna democrazia dell'alternanza''.

''Noi - ha ricordato - comunque una strada l'abbiamo intrapresa, consapevoli appunto che l'intero sistema politico e' in fase di totale metamorfosi. Il Pd sembra pronto a vendere l'anima al diavolo pur di vincere. E il diavolo in questo caso per molti di quello stesso partito - lo pensano loro - sarebbe Renzi. Non ci vuole uno scienziato per capire che la stragrande maggioranza della classe dirigente del partito non lo vorrebbe alla guida del Pd e lo considera un corpo estraneo alla propria storia. Lo soffrono, ma si accalcano per salire sul suo carro. Solo che se il Pd rinuncia alla propria anima, se si affida all'uomo solo al comando anziche' alle idee, io credo sia condannato a perdersi''. Pero' ''anche il fronte della destra e' in pieno cambiamento''. E se ''molti analisti pensano che la stagione di Berlusconi stia per finire'', secondonil segretario Udc ''visto quello che e' accaduto negli ultimi vent'anni, penso che sia pure in ruoli diversi sara' ancora presente''.

afe/sam/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: Gentiloni pronto a riferire in Parlamento
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4