giovedì 19 gennaio | 16:59
pubblicato il 09/ago/2012 21:00

Udc/ Casini cerca foto Chianciano ma dubbi su scioglimento

Contenitore si decide dopo l.elettorale. Fli teme sbarramento

Udc/ Casini cerca foto Chianciano ma dubbi su scioglimento

Roma, 9 ago. (askanews) - Il passo verso un soggetto nuovo e più ampio da presentare alle prossime elezioni politiche l'Udc di Pier Ferdinando Casini lo farà. Ma i tempi e la forma che prenderà l'area dei moderati cui l'ex presidente della Camera sta lavorando con Gianfranco Fini sono legati a due variabili fondamentali: la riforma della legge elettorale e le mosse degli esponenti dell'attuale governo - Corrado Passera in testa - verso il percorso indicato da Casini. Al nuovo sistema di voto che i partiti sembrano intenzionati a realizzare per archiviare l'ormai famigerato Porcellum è strettamente legato il futuro di Fli e Udc: a via dei Due Macelli nutrono più di un dubbio sullo scioglimento del partito e l'archiviazione del simbolo a sei mesi dalle elezioni. Tuttavia l'idea di presentare la nuova area dei moderati sottoforma di una coalizione di liste non convince chi, come alcuni finiani, teme lo sbarramento previsto dalla bozza Bianco della riforma elettorale su cui potrebbe concretizzarsi l'intesa di maggioranza: il 5% per tutte le liste, sia che si presentino apparentate sia che si presentino da sole. Una soglia unica che sarebbe fatale per il partito di Fini. Insomma la decisione dello scioglimento - per il quale servirà comunque un congresso - è rimandata a quando il profilo della nuova legge elettorale sarà più definito. Nel frattempo comunque il partito di Casini scalda i motori per il tradizionale appuntamento di partito che si svolge ogni anno a Chianciano Terme: dal 7 al 9 settembre quest'anno, un giorno in meno rispetto agli altri anni perché la festa sarà all'insegna del risparmio, in linea con il piano di austerity deciso dal tesoriere Antonio De Poli. La kermesse inoltre sarà interamente finanziata dal contributo dei parlamentari. Mille euro ciascuno da ogni deputato e senatore sarà la spesa. Non lesinerà invece sugli ospiti il partito di Casini. Per lo meno stando agli annunci: "Sono previsti autorevoli esponenti del mondo politico e della società civile", assicurano ma sui nomi ufficialmente è riserbo. Certamente ci sarà Fini e il suo capogruppo alla Camera, Benedetto Della Vedova, e non mancherà come tutti gli anni il segretario della Cisl, Raffaele Bonanni. Attesi anche Corrado Passera e Emma Marcegaglia: il ministro dello Sviluppo economico e la ex presidente di Confindustria erano presenti anche lo scorso anno in realtà ma è evidente che questa volta con l'uno che ha già dichiarato che, dopo l'esperienza al governo, non ha alcuna intenzione di tornare a fare il banchiere e l'altra libera da viale dell'Astronomia il palco di Chianciano assomiglierà più alla fotografia di una possibile alleanza per proseguire il lavoro fatto da Mario Monti.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
D'Alema: con Renzi non vinceremo mai, leader e premier nuovi
Pd
Renzi si mette in viaggio in pullman: ripartiamo girando l'Italia
Terremoti
Terremoto, Salvini: il trombato Errani commissario è demenziale
M5s
Grillo lancia il "reddito universale": confronto è su idea futuro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Immunoterapia, un libro sulla quarta arma contro il cancro
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale