lunedì 05 dicembre | 05:40
pubblicato il 19/mar/2014 13:15

Ucraina: Renzi, referendum illegittimo ma dialogo resti aperto

Ucraina: Renzi, referendum illegittimo ma dialogo resti aperto

(ASCA) - Roma, 19 mar 2014 - Il referendum svolto sul passaggio della Crimea dall'Ucraina alla Russia ''e' illegittimo'' e per questo ''c'e' la necessita' che vi sia un'azione concreta da parte delle istituzioni, a cominciare dai pesi Ue che fanno parte del G8''. Ma ''non si puo' prescindere dal ruolo della Russia''. Lo afferma il presidente del Consiglio Matteo Renzi nella sua informativa alla Camera sul prossimo Consiglio europeo ribadendo che l'Italia e' per ''sanzioni alla Russia graduali e reversibili perche' riteniamo giusto tenere aperto il canale del negoziato''. In questo scenario, continua Renzi, ''la stella polare dell'azione di governo e' riuscire a collaborare con tutti per una soluzione della crisi politica, una soluzione rispettosa del diritto internazionale e che non ci faccia tonare indietro rispetto al disegno della cortina di ferro, che certo e' solo negli incubi di alcuni, ma che dobbiamo scongiurare''.

fdv

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Riforme
Referendum,Centro-Nord spinge affluenza oltre 60%,Sud sotto il 50%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari