lunedì 16 gennaio | 14:04
pubblicato il 30/set/2014 16:55

Ucraina: Mucchetti, sanzione vera per Putin? Eni rinunci a South Stream

(ASCA) - Roma, 30 set 2014 - ''C'e' una sanzione vera che a Putin farebbe male, ma l'Italia non la ancora adottata nonostante sia nel suo interesse farlo. Questa speciale sanzione consiste nella rinuncia dell'Eni a finanziare pro quota il tratto del gasdotto South Stream che attraversa gli abissi del Mar Nero. Nella prossima primavera scatta la ricapitalizzazione della societa' a maggioranza Gazprom che sara' proprietaria del tubo. L'Eni dovrebbe versare 2 miliardi se vuol conservare la sua attuale quota del 20%. Ma puo' anche astenersene lasciandosi diluire fin quasi a zero ed evitando cosi' di fare altri 2 miliardi di debiti''. Lo scrive oggi sul suo blog Massimo Mucchetti, presidente della commissione Industria del Senato. Secondo Mucchetti ''nel 2009, Paolo Scaroni caldeggio' l'operazione che a regime sarebbe costata almeno 35 miliardi, in buona parte finanziati a debito. Il progetto trovava un suo equilibrio economico sulla base di un ritorno, dopo le tasse, del 10%, altissimo per un'infrastruttura. Per ottenere un simile guadagno, al gas russo trasportato attraverso quel tubo si dovrebbe applicare un diritto di passaggio assai elevato. E questo aumenterebbe il prezzo finale di quel gas in un contesto di minor utilizzo di questo combustibile fossile e di prezzi strutturalmente calanti per gli effetti dello shale gas sul mercato globale''.

''L'Eni scaroniana - continua - non ha mai chiarito, nemmeno nell'ultima audizione alla commissione Industria del Senato, se e quanto del gas del South Stream si sarebbe aggiunto, e a quali condizioni contrattuali, a quello gia' destinato all'Eni medesima dai contratti take or pay con Gapzrom. D'altra parte, i fini di Mosca erano e sono in tutta evidenza due: nel breve periodo, impaurire Kiev mettendo in funzione un tubo alternativo a quello storico che passa dall'Ucraina; sul piano strategico, una volta risolta in un modo o nell'altro la crisi ucraina, aumentare la gia' ingente dipendenza dell'Europa dalle forniture di gas russo''.

''L'errore dell'Eni era chiaro gia' nel 2009-2010. Basta ricordarsi di che cosa aveva fatto mettere a verbale il consigliere di amministrazione, Alberto Clo', e non solo lui.

Al suo esordio, il premier Matteo Renzi ha confermato l'impegno dell'Italia nel South Stream. Immagino per la fretta di dire qualcosa. Ora l'Eni ha cambiato gestione. Se e' vero che Claudio Descalzi e' un manager tutto industria e zero salotti politici, il cane a sei zampe puo' rimediare all'antico errore prima che sia troppo tardi (ovvero prima di mettere mano davvero al portafoglio a favore del progetto putiniano). E il governo puo' salvare la faccia dicendo che la ritirata non deriva dall'ammissione di un errore ma e' imposta dalle sanzioni. Andra' bene anche cosi'. Come diceva il grande Deng Xiaoping, non importa di che colore e' il gatto purche' prenda i topi''. Cosi' conclude il senatore dem. com-njb

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Bersani: Renzi non ha capito lezione, così si sbatte di nuovo
Fca
Fca, Delrio: richiesta Germania a Ue del tutto irricevibile
Governo
Alfano: elezioni? Avanti finchè c'è carburante, senza psicodrammi
Centrodestra
Salvini: se Berlusconi preferisce Renzi, meglio soli al voto
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Trump avverte Merkel su commercio: troppe Mercedes negli Usa
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
On line il sito del Fondo Astoi a tutela dei viaggiatori
Energia e Ambiente
Energia, Bellanova: Italia con Enea all'avanguardia internazionale
Moda
Milano Moda uomo, i quadri viventi di Antonio Marras
Scienza e Innovazione
Spazio, lanciato razzo di SpaceX dopo l'esplosione di settembre
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Anas: nel 2016 traffico in crescita, su tutta la rete +2,45%