mercoledì 22 febbraio | 19:05
pubblicato il 19/feb/2014 11:09

Ucraina: Della Vedova, serve formale riconoscimento da Unione europea

Ucraina: Della Vedova, serve formale riconoscimento da Unione europea

(ASCA) - Roma, 19 feb 2014 - ''Di fronte a quanto succede in queste ore, gli Stati membri e le istituzioni dell'Ue hanno il dovere di compiere un atto di formale riconoscimento politico delle aspirazioni europee dell'Ucraina, anche attraverso la temporanea sospensione del regime dei visti per i cittadini ucraini''. Lo afferma in una nota il senatore e portavoce di Scelta Civica, Benedetto Della Vedova. ''E' evidente che la situazione sta precipitando e non ha piu' senso ne' utilita' l'appello alla moderazione. Senza un intervento diretto dell'Ue, a riportare il cosiddetto ordine saranno carri armati mandati o guidati da Mosca. Dopo che la volonta' della maggioranza degli ucraini, favorevoli all'Accordo di Associazione con l'Ue, non e' stata rispettata dalle autorita' di Kiev, l'Europa - conclude Della Vedova - non puo' assistere inerme alla repressione nel sangue delle proteste, ne' allo scoppio di una guerra civile''.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Orfini: dopo Emiliano spero ci ripensino Rossi e Speranza
Pd
Speranza: Emiliano resta nel Partito di Renzi, noi no
Pd
Pd, Emiliano: non faccio a Renzi il favore della scissione
Pd
Di Maio (M5s): elettori Pd disorientati, guardano a noi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Spazio, astronauti italiani e cinesi lavoreranno fianco a fianco
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech