giovedì 23 febbraio | 20:00
pubblicato il 20/gen/2012 21:22

Tv/ Monti: Frequenze non possono essere date senza corrispettivo

Se Mediaset crede avere diritti naturale si riservi farli valere

Tv/ Monti: Frequenze non possono essere date senza corrispettivo

Roma, 20 gen. (askanews) - "E' naturale che una azienda" come Mediaset "si riservi di far valere i propri diritti se ritiene di averli, così come credo che l'opinione pubblica non sia sorpresa dalla decisione" presa dal Consiglio dei ministri sulla sospensione del beauty contest. Lo dice il presidente del Consiglio, Mario Monti, in un'intervista a 'Otto e mezzo'. "Le frequenze - spiega il premier - sono un bene scarso, un bene pubblico. Erano state prese certe decisioni per l'attribuzione, ma noi non vediamo perché, nel momento in cui abbiamo dovuto chiedere grandi sacrifici a molti, una risorsa pubblica venga concessa senza corrispettivo". "Non so cosa faremo dopo - osserva Monti - ma è naturale riflettere anche per ragionare sull'evoluzione tecnologica".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sinistra
Scotto: nuova forza di sinistra con ex Pd, con noi 17 ex Si
Centrosinistra
Entro sabato gruppi ex Pd, pressing per convincere parlamentari
Pd
Renzi: in California cerco idee anti-populisti
Aborto
Aborto, senatori Pd: ora legge per concorsi medici non obiettori
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech