mercoledì 07 dicembre | 21:43
pubblicato il 09/giu/2011 10:16

Tv/ Lerner dà il benvenuto a Santoro:non sarà unico arrivo a La7

In Rai demenziale eterogenesi fini: mortifica le eccellenze

Tv/ Lerner dà il benvenuto a Santoro:non sarà unico arrivo a La7

Roma, 9 giu. (askanews) - "Lo credo, lo auguro e lo spero. Michele Santoro non sarà l'unico, nè l'ultimo arrivo a a La7" fra gli anchorman ed ancorwoman che oggi in mamma Rai fanno i migliori ascolti ma che la dirigenza del servizio pubblico non incentiva a restare. Lo ha sottolineato Gad Lerner che, intervistato dal Corriere della Sera, dà il suo benvenuto a Santoro sulla tv di Telecom, nella speranza che l'annunciato sbarco vada in porto. E non sia isolato. "Autolesionista" è l'espressione che Lerner, da ex direttore del Tg1 nei primi anni di governo del centrosinistra, sceglie per definire l'atteggiamento dei vertici Rai nei confronti di Santoro e della maggior parte dei conduttori degli approfondimenti di punta che però sono stati pubblicamente messi all'indice dal Premier Silvio Berlusconi. "E' un caso da scuola di demenziale eterogenesi dei fini: hanno voluto assecondare la folle diagnosi di Berlusconi che attribuiva ad Annozero la sconfitta elettorale, quando invece la risposta era la sua immagine allo specchio", ha argomentato il creatore-conduttore dell'Infedele. Pronto a offrirsi alla Dg Lorenza Lei per una nuova direzione del TG1 "a zero euro, gratis e a tempo per appena per sei mesi, solo per poter dimostrare quante eccellenti potenzialità professionali esistano ora sono ingiustamente mortificate". Quanto al rilancio e alla campagna acquisti avviata da La7 con l'arrivo da Mediaset di Enrico Mentana e ora al massimo della sua espansione che fa molto tornare alla memoria quella 'Telesogno' che un tempo la ex Telemontecarlo Maurizio Costanzo e proprio Michele Santoro avevamo immaginato, "raccogliamo il frutto - ha sottolineato Lerner- di un lavoro durato dieci anni. Stiamo ricoprendo ora già allora era la nostra vocazione naturale ed il nostro obbiettivo di sempre: dimostrare ed essere una possibile alternativa di qualità nel Paese del 'duopolio collussivo'. "Oggi - ha sottolineato ancora Lerner rispetto al ruolo da editore svolto da Telecom e alla possibilità che la proprietà di La7 passi di mano o entri in comproprietà con un partner. "c'è una Telecom Italia più coraggiosa e più legata al prodotto. Tutto e' diverso da prima: La7 piace troppo all'attuale gestione" mentre "ricordo gli sbuffi di Franco Bernabè: se l'era ritrovata come una palla al piede". E "non mi lascerei condizionare dai colori politici. Spero, piuttosto, che non appaiano ancora quei vincoli e quei condizionamenti che, per esempio, hanno tenuto in anticamera Enrico Mentana per un anno e mezzo". In ogni caso, Lerner si dichiara "orgoglioso" di un "clima di libertà intellettuale e di possibilita' di sperimentazione" che "è ideale per la tv di qualità che noi amiamo".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
L.Bilancio
L.Bilancio, governo pone fiducia in aula Senato su art.1
Fi
Fi, Berlusconi ricoverato. Zangrillo: stress, a breve dimesso
Pd
Pd, Orfini: ok sostegno militanti ma sia senza rabbia
Governo
Pisapia: pronto a unire sinistra fuori da Pd, dialogo con Renzi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni