martedì 21 febbraio | 22:27
pubblicato il 07/giu/2012 11:29

Tv/ Di Pietro:Condanna Strasburgo conferma i danni di Berlusconi

Continueremo a batterci per risolvere il conflitto interessi

Tv/ Di Pietro:Condanna Strasburgo conferma i danni di Berlusconi

Roma, 7 giu. (askanews) - "La condanna che arriva dalla Corte europea dei diritti umani sul caso Europa 7 è solo la conferma dei danni prodotti da Berlusconi e dal suo governo. L'ex presidente del Consiglio ha utilizzato a proprio uso e consumo le istituzioni, piegandole ai propri interessi e calpestando la democrazia e l'informazione". Lo dichiara in una nota il leader dell'Italia dei Valori, Antonio Di Pietro. "L'Italia dei Valori, che per prima ha portato avanti la battaglia per ristabilire le regole sull'attribuzione delle frequenze, continuerà a battersi - aggiunge Di Pietro - affinché nel nostro Paese venga affermato lo stato di diritto e risolto una volta per tutte il conflitto d'interessi". "L'emittente televisiva Europa 7 è stata vittima di un vergognoso abuso - conclude Di Pietro - perpetrato per anni e per questo nessun risarcimento sarà mai abbastanza".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Campidoglio
Grillo: ammetto le colpe a Roma, ma andiamo avanti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia