giovedì 08 dicembre | 10:56
pubblicato il 13/set/2013 16:45

Tv: Brunetta, per Anzaldi e Grassi effetto boomerang

(ASCA) - Roma, 13 set - ''I colleghi democratici in Commissione di Vigilanza Rai, Michele Anzaldi e Gero Grassi, forse distratti dall'incombere del week end o dalle troppe ferie fatte nelle ultime settimane, non hanno studiato e letto con attenzione i dati che con estrema superficialita' riportano in uno stringato comunicato stampa. Se avessero analizzato con maggior dedizione le schede dell'Agcom, relative al tempo di parola dei Tg della Rai nel mese di Agosto, avrebbe scoperto, loro malgrado, che in tutte le edizioni dei telegiornali del servizio pubblico il Partito democratico puo' vantare una presenza del 41,50%, contro il 39,52% del Popolo della liberta'. Ma andiamo oltre, non ci fermiamo al mese appena trascorso, ripercorriamo a ritroso gli ultimi mesi subito dopo la campagna elettorale che ha portato alle elezioni del febbraio 2013''. Lo dichiara in una nota Renato Brunetta, presidente dei deputati del Pdl.

''Sempre grazie ai dati Agcom, relativi al tempo di parola di tutte le edizioni dei Tg della Rai, ecco la classica scoperta dell'acqua calda: la sinistra impera incontrastata, la Rai conferma la sua faziosita'. Nel mese di marzo 2013 Partito democratico 39,94%, Popolo della liberta' 25,93%; nel mese di aprile Pd al 45,79%, Pdl al 21,70%; nel mese di maggio Pd al 40,92%, Pdl al 30,69%; nel mese di giugno Pd al 36,23%, Pdl al 30,66%; nel mese di luglio Pd al 36,87%, Pdl al 28,22%. Per gli ineffabili Anzalzi e Grassi un effetto boomerang, causato da un furbo tentativo di leggere le carte agostane in modo grossolanamente approssimativo - prosegue Brunetta -. Per quanto riguarda la mia attivita' in Commissione di Vigilanza Rai, definito ''spericolato' dai due parlamentari del Pd, mi limito ad osservare come le mie numerose interrogazioni e i miei esposti all'Agcom siano stati sempre correlati ed accompagnati dai dati dell'Osservatorio di Pavia, fonte ufficiale di monitoraggio per la Commissione e per la Rai. Forse per questo l'Autorita' per le garanzie nelle comunicazioni mi ha dato ragione condannando al riequilibrio programmi come ''In mezz'ora' e ''Che tempo che fa', e testate giornalistiche come il ''Tg3'''. ''E non e' finita qui... Per quanto riguarda le altre tivu' commerciali, siamo pronti. Siamo pronti ad accendere i riflettori su Mediaset, La7, Sky, eccetera. Cari Anzaldi e Grassi, benvenuti in Mediawatch.

Intanto continuero' a dedicarmi alla Rai, l'azienda di tutti i cittadini che pagano il canone e che quindi deve garantire prima delle altre equilibrio e pluralismo. Pubblichero' subito i dati qui citati sul sito Raiwatch.it in modo che possano essere i cittadini a giudicare. In ogni caso gia' oggi faremo altri comunicati relativi ai periodi pre-elettorali. L'effetto boomerang per i poveri Anzaldi e Grassi continua, forse - conclude - avrebbero fatto meglio a tacere''. com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fi
Fi, Berlusconi ricoverato. Zangrillo: stress, a breve dimesso
Pd
Pd, Orfini: ok sostegno militanti ma sia senza rabbia
Governo
Consultazioni Mattarella fino a sabato, chiudono Fi M5s e Pd
Governo
Comitato del No: sarebbe bene Colle ci convocasse a consultazioni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni