martedì 24 gennaio | 22:47
pubblicato il 25/mar/2016 12:39

Trivelle, governatori contro. Pittella: Emiliano fa il demagogo

"Vuole scalare la segreteria del Pd? Si candidasse"

Trivelle, governatori contro. Pittella: Emiliano fa il demagogo

Roma, 25 mar. (askanews) - "Non è un referendum contro il governo e non è un referendum sul petrolio. Lo dico a Emiliano e a tutti quei reduci che vogliono strumentalizzare il referendum per una rivincita sul governo Renzi". Il presidente della Basilicata, Marcello Pittella (fratello di Gianni, capogruppo dei socialisti all'Europarlamento) è uno dei promotori del referendum del 17 aprile. In una intervista al Foglio, tuttavia, l'esponente democratico contesta "fermamente l'atteggiamento populista e demagogico di Emiliano e di chi porta avanti una battaglia che col referendum non ha nulla a che fare. Non è in discussione il pro o contro trivelle, né in mare né su terraferma. Non è in discussione la linea politica nel Pd né la corsa alla segreteria nazionale. Si vada a votare ma dicendo la verità ai cittadini", cioè, spiega, "si tratta solo di dire se una concessione dura 20 anni o fino a esaurimento del giacimento".

Secondo Pittella, "quando il presidente Emiliano etichetta il premier Renzi, che sta provando a cambiare l'Italia, come un venditore di pentole, sta facendo un danno al Mezzogiorno. Se crei un rapporto conflittuale con il governo su un tema che non c'è, non stai facendo bene il tuo lavoro di presidente di regione. Emiliano le spara grosse, lo invito a riflettere e a pesare le parole perché una sua dichiarazione influenza il rapporto con il governo dell'intero Mezzogiorno, crea un vulnus e noi non lo possiamo consentire. Mi dissocio da quest'atteggiamento da demagogo da strapazzo".

L'altro obiettivo dichiarato dai referendari è quello di dare un'indicazione sulla politica energetica. "Dobbiamo essere seri. La politica energetica va discussa a livello nazionale ed europeo, ai massimi livelli istituzionali. Se questo referendum è una battaglia di pentastellati e della minoranza dem lo si dica, io non partecipo e mi dissocio da queste operazioni". Quella di Emiliano, accusa Pittella, "è strategia della paura, è facile disseminare polvere ma il difficile viene quando si posa e bisogna raccoglierla. Se Emiliano vuole scalare la segreteria del Pd si candidasse e si misurasse con i voti, senza carpire la buona fede dei cittadini".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Fassino: un giovane Prodi? Il Pd un leader ce l'ha già
Governo
A P.Chigi summit Gentiloni e ministri su sicurezza-immigrazione
M5s
Grillo imbavaglia i suoi: parlate se autorizzati o andate via
M5s
Grillo a eletti M5s: siete portavoce, linea la decidono iscritti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, ok Camera a mozione contro l'abuso di antibiotici

Roma, 24 gen. (askanews) - "Approvata dalla Camera la nostra mozione contro la resistenza agli antibiotici, un fenomeno che, di questo passo, entro il 2050 potrebbe diventare...

Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4