domenica 11 dicembre | 09:41
pubblicato il 04/apr/2016 14:54

Trivelle, Ascani (Pd): nel Pd non si può fare e disfare

"Nessuna condanna per chi dissente ma..."

Trivelle, Ascani (Pd): nel Pd non si può fare e disfare

Roma, (askanews) - "Lì il punto è chiaro: cioè, si tratta di un atto che noi abbiamo votato, che noi abbiamo promosso, e quindi i sei punti che le Regioni promuovevano cinque sono stati già accolti dal Parlamento, l'ultimo che rimane non è stato accolto, per una decisione politica. Quindi bisognerebbe evitare di fare e disfare, io credo che l'unico tema da affrontare oggi sia questo". Lo ha detto Anna Ascani, deputata del Partito democratico, parlando della possibile discussione a proposito del referendum sulle trivelle nella Direzione del suo partito.

"Poi è ovvio, se c'è chi ha una posizione diversa, proprio perché siamo un partito democratico - ha aggiunto - non ci sarà nessun tipo di atteggiamento, diciamo, di condanna, assolutamente. C'è totale libertà in questo. Però è chiaro che il Pd fa riferimento a ciò che facciamo qui dentro in Parlamento, sarebbe strano il contrario".

Gli articoli più letti
Governo
Di Battista:risponderemo a colpi piazza a tentativo fermare M5s
Governo
Di Maio: no a Gentiloni o altro Avatar per salvare la banca Pd
Governo
Renzi al Pd esclude restare,Gentiloni tiene ma partita non chiusa
Governo
Speranza al Pd: indispensabile una scelta di discontinuità
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina