venerdì 20 gennaio | 17:46
pubblicato il 11/giu/2016 10:38

Trentadue anni fa moriva Berlinguer, il Pd: "per noi un meastro"

Guerini e Serracchiani: sua condanna fanatismo tesoro per tutti

Trentadue anni fa moriva Berlinguer, il Pd: "per noi un meastro"

Roma, 11 giu. (askanews) - "Si possono fare molte riflessioni su una personalità che ha influito così tanto nella storia della sinistra italiana, ma nel nostro tempo ci sembra utile ricordarlo con le sue parole: 'Io le invettive non le lancio contro nessuno, non mi piace scagliare anatemi, gli anatemi sono espressioni di fanatismo e v'è troppo fanatismo nel mondo'. Così, a 32 anni dalla morte, lo vogliamo ricordare facendo tesoro della sua lezione umana e politica". Lo hanno affermato in una dichiarazione congiunta i vicesegretari del Pd Deborah Serracchiani e Lorenzo Guerini e del presidente del partito Matteo Orfini, in occasione dell'anniversario della scomparsa di Enrico Berlinguer.

"Fedeltà ai propri ideali e principi morali - hanno dichiarato- sono stati i capisaldi dell'azione politica di Enrico Berlinguer. Se la sua figura resta nella coscienza del Paese, sia in chi ha vissuto il suo tempo stimandolo al di là dell'appartenenza politica, sia per tanti giovani che non l'hanno conosciuto, lo si deve a questa sintesi che Berlinguer ha saputo rappresentare. La sua figura è diventata l'emblema di una politica al servizio del bene comune, capace di appassionare le persone e di renderle partecipi di un progetto per una società più giusta e più equa. Valori declinati fuori dalla retorica".

"Berlinguer - dichiarano ancora Serracchiani, Guerini e Orfini- fu capace di mettere in discussione le certezze anche del proprio mondo, come quando ribadì il valore irrinunciabile dell'idea democratica. Una scelta confermata anche in frangenti drammatici, come durante gli anni di piombo. Indicò i pericoli che la democrazia correva se non avesse rinnovato se stessa. Anche la denuncia della "questione morale" voleva essere uno sprone a mettere in discussione ciò che c'era di sbagliato per cercare insieme un cambiamento positivo. Comprese i cambiamenti in atto della società italiana e la necessità di portare sempre più persone nell'alveo della democrazia, non rinunciando mai al dialogo e al confronto con gli avversari politici. Intuì l'importanza che la rivoluzione delle donne avrebbe portato nella società e alla politica".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Craxi
Berlusconi: mi manca Craxi, è stato vittima di un golpe
Pd
Pd, correnti in tensione su voto subito e leadership Renzi
Terremoto
M5s cancella mobilitazione giorno decisione Consulta su Italicum
Terremoti
Terremoto, Salvini: dimissioni Curcio? Qualcosa non ha funzionato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Audi, 8 milioni di vetture prodotte con la trazione "quattro"
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Tpl, Sorte: anche per Delrio la Lombardia è modello da seguire