venerdì 24 febbraio | 18:56
pubblicato il 12/giu/2011 14:33

Tremonti a Maroni: Tenere i conti pubblici non e' ragioneria

Percorso rientro deficit non è dovuto a vincoli europei

Tremonti a Maroni: Tenere i conti pubblici non e' ragioneria

Levico Terme (Tn), 12 giu. (askanews) - "Tendere verso il pareggio di bilancio è saggio avendo il terzo o quarto debito del mondo. Non è un obiettvo di ragioneria". E' quanto ha detto il ministro dell'Economia Giulio Tremonti replicando alla Festa della Cisl al ministro dell'Interno Roberto Maroni, che ieri è intervenuto dallo stesso palco. "Tenere in ordine i conti - ha aggiunto - in italiano vuol dire tenere il bilancio dello Stato. Noi lo abbiamo fatto in una crisi drammatica. Abbiamo tenuto il risparmio delle famiglie e la coesione sociale. Un qualche coraggio credo il governo lo abbia dimostrato". "Dobbiamo seguire un percorso di rientro sul deficit non per vincolo europeo, perchè l'Europa non è solo una convention di burocrati, ma se hai una moneta comune hai anche una responsabilità comune".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Ncd
Alfano: i moderati tornino uniti contro il populismo
Governo
Guerini: assurdo legare data primarie Pd a elezioni politiche
Campidoglio
Grillo: forza Virginia, giornalisti rispettino privacy Raggi
Pd
Nel Pd braccio di ferro su data primarie, Orlando in campo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech