sabato 03 dicembre | 17:12
pubblicato il 09/ott/2014 10:37

Trattativa Stato-mafia, boss non saranno ad audizione Napolitano

Corte Assise Palermo respinge richiesta imputati Riina, Bagarella

Trattativa Stato-mafia, boss non saranno ad audizione Napolitano

Palermo, 9 ott. (askanews) - Gli imputati del processo sulla trattativa Stato-mafia, Totò Riina, Leoluca Bagarella e l'ex presidente del Senato Nicola Mancino, non parteciperanno all'udienza in cui il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano sarà ascoltato come teste.

Lo ha deciso la Corte d'Assise di Palermo, respingendo così la richiesta avanzata dai boss Totò Riina e Leoluca Bagarella, e dall'ex presidente del Senato Nicola Mancino, di assistere alla deposizione del presidente della Repubblica in qualità di teste nell'ambito del processo sulla trattativa Stato-mafia. Richiesta alla quale la Procura di Palermo non si era opposta.

L'audizione del capo dello Stato avverrà il prossimo 28 ottobre al Quirinale: oltre alla Corte, saranno presneti soltanto i pm e i legali.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Riforme
Referendum, Berlusconi: con voto a matita possibili i brogli
Altre sezioni
Salute e Benessere
Disturbi del sonno? 10 regole ambientali per dormire meglio
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari