venerdì 24 febbraio | 06:56
pubblicato il 29/nov/2013 16:14

Trasporti/Camera: Sassoli, obiettivo Ue e' elevare sicurezza aviazione

(ASCA) - Roma, 29 nov - Stabilire e mantenere un livello elevato e uniforme di sicurezza dell'aviazione civile in Europa. Questo l'obiettivo della proposta di regolamento Ue su aeroporti, gestione del traffico aereo e servizi di navigazione aerea sottolineato dall'eurodeputato David Sassoli nel corso dell'audizione svolta il 28 novembre in commissione Trasporti della Camera, impegnata nell'esame delle proposte di revisione del Cielo unico europeo. Sassoli, che e' relatore del testo in commissione Trasporti dell'Europarlamento, ha spiegato che la proposta affronta la questione legata alla sicurezza aerea e alla governante dell'Agenzia europea per la sicurezza aerea (Easa). E fa parte di un pacchetto di proposte presentato dalla Commissione che aggiorna anche la normativa sul Cielo unico europeo. ''Il settore dell'aviazione europea - ha osservato Sassoli - e' in continua evoluzione in Europa e nel mondo, gli obiettivi primari sono sempre quelli dell'efficienza e della sicurezza del servizio, in un mondo dove il numero dei voli aerei e' in continua evoluzione. Sara' importante capire il ruolo che l'Europa ricoprira' al termine di questo percorso relativo al Cielo unico europeo''. Per Sassoli ''solo una gestione che sia sempre piu' centralizzata permettera' di mantenere alti standard di servizi e capacita' competitiva''.

La frammentazione dello spazio aereo significa ''volare mediamente 42 chilometri in piu', per un costo straordinario di 5 mld di euro l'anno''. Costi che vengono trasferiti su imprese e passeggeri. Da qui la proposta dei blocchi funzionali di spazio aereo e la necessita' di una gestione centralizzata della rete. ''Lo scenario mondiale e' in continua evoluzione'', ha detto ancora Sassoli. ''La grande crescita dei mercati dei Paesi del Golfo e del Nord Africa pone in una posizione sempre piu' centrale il Mediterraneo e, grazie alla sua posizione, l'Italia. Il cambiamento delle rotte aeree verso questi Paesi mette l'Italia nelle condizioni di poter diventare uno snodo aereo importante''. Un esempio da seguire per Sassoli ''e' quello del ruolo strategico di scalo aeroportuale che ha la Spagna rispetto ai Paesi del Sudamerica''. ''Per fare questo pero' bisogna essere all'altezza del compito ed effettivamente e' sufficiente visitare i due principali aeroporti spagnoli (Madrid e Barcellona) per rendersi conto di quanto abbiano investito nelle infrastrutture aeroportuali. La strada per l'Italia non e' semplice ma in prospettiva affascinante''.

lcp/gbt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sinistra
Scotto: nuova forza di sinistra con ex Pd, con noi 17 ex Si
Pd
Renzi: in California cerco idee anti-populisti
Aborto
Aborto, senatori Pd: ora legge per concorsi medici non obiettori
Ue
Mattarella:Ue ha valore irreversibile, da crisi uscirà più forte
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech