domenica 04 dicembre | 13:19
pubblicato il 29/nov/2013 16:14

Trasporti/Camera: Sassoli, obiettivo Ue e' elevare sicurezza aviazione

(ASCA) - Roma, 29 nov - Stabilire e mantenere un livello elevato e uniforme di sicurezza dell'aviazione civile in Europa. Questo l'obiettivo della proposta di regolamento Ue su aeroporti, gestione del traffico aereo e servizi di navigazione aerea sottolineato dall'eurodeputato David Sassoli nel corso dell'audizione svolta il 28 novembre in commissione Trasporti della Camera, impegnata nell'esame delle proposte di revisione del Cielo unico europeo. Sassoli, che e' relatore del testo in commissione Trasporti dell'Europarlamento, ha spiegato che la proposta affronta la questione legata alla sicurezza aerea e alla governante dell'Agenzia europea per la sicurezza aerea (Easa). E fa parte di un pacchetto di proposte presentato dalla Commissione che aggiorna anche la normativa sul Cielo unico europeo. ''Il settore dell'aviazione europea - ha osservato Sassoli - e' in continua evoluzione in Europa e nel mondo, gli obiettivi primari sono sempre quelli dell'efficienza e della sicurezza del servizio, in un mondo dove il numero dei voli aerei e' in continua evoluzione. Sara' importante capire il ruolo che l'Europa ricoprira' al termine di questo percorso relativo al Cielo unico europeo''. Per Sassoli ''solo una gestione che sia sempre piu' centralizzata permettera' di mantenere alti standard di servizi e capacita' competitiva''.

La frammentazione dello spazio aereo significa ''volare mediamente 42 chilometri in piu', per un costo straordinario di 5 mld di euro l'anno''. Costi che vengono trasferiti su imprese e passeggeri. Da qui la proposta dei blocchi funzionali di spazio aereo e la necessita' di una gestione centralizzata della rete. ''Lo scenario mondiale e' in continua evoluzione'', ha detto ancora Sassoli. ''La grande crescita dei mercati dei Paesi del Golfo e del Nord Africa pone in una posizione sempre piu' centrale il Mediterraneo e, grazie alla sua posizione, l'Italia. Il cambiamento delle rotte aeree verso questi Paesi mette l'Italia nelle condizioni di poter diventare uno snodo aereo importante''. Un esempio da seguire per Sassoli ''e' quello del ruolo strategico di scalo aeroportuale che ha la Spagna rispetto ai Paesi del Sudamerica''. ''Per fare questo pero' bisogna essere all'altezza del compito ed effettivamente e' sufficiente visitare i due principali aeroporti spagnoli (Madrid e Barcellona) per rendersi conto di quanto abbiano investito nelle infrastrutture aeroportuali. La strada per l'Italia non e' semplice ma in prospettiva affascinante''.

lcp/gbt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari