domenica 11 dicembre | 01:22
pubblicato il 09/mag/2014 15:31

Trasporti/Camera: piu' concorrenza con quarto pacchetto ferroviario Ue

(ASCA) - Roma, 9 mag 2014 - Un programma ''ambizioso'' quello delineato dalla Commissione europea nel cosiddetto ''quarto pacchetto ferroviario'', che punta al riordino complessivo del comparto del trasporto ferroviario nella logica del completamento dello spazio ferroviario europeo unico e del superamento di barriere ed ostacoli che, a giudizio della Commissione europea, sino ad ora hanno impedito uno sviluppo adeguato del trasporto ferroviario nel nostro continente. A sottolinearlo Mario Tullo (PD), relatore in commissione Trasporti del pacchetto che si compone di una comunicazione della Commissione, di 3 proposte di regolamento (sulle norme comuni per la normalizzazione dei conti delle aziende ferroviarie; sull'Agenzia dell'Unione europea per le ferrovie; sull'apertura del mercato dei servizi di trasporto nazionale di passeggeri per ferrovia) e di altrettante proposte di direttive, la prima per istituire uno spazio ferroviario europeo unico, per quanto riguarda l'apertura del mercato dei servizi di trasporto nazionale di passeggeri per ferrovia e la governance dell'infrastruttura ferroviaria; la seconda relativa all'interoperabilita' del sistema ferroviario dell'Unione europea e la terza sulle sicurezza.

L'importanza del pacchetto riformatore emerge anche da alcuni dati citati da Tullo nella seduta di avvio dell'esame.

Il trasporto ferroviario in ambito Ue produce un fatturato annuo superiore a 73 miliardi di euro, impiega 800 mila persone e impegna consistenti risorse a carico delle finanze pubbliche, nell'ordine di circa 20 miliardi di euro a titolo di compensazione per oneri di servizio e di 26 miliardi per investimenti nelle infrastrutture. Nonostante le dimensioni dei numeri, tuttavia, il trasporto ferroviario purtroppo copre ancora una quota assai contenuta a confronto con le altre modalita': la parte modale della ferrovia nell'Ue si e' attestata intorno al 6%, misura incomparabilmente inferiore al 75% coperta dagli autoveicoli privati; piu' consistente e' la quota del trasporto ferroviario per quanto concerne il trasporto di merci (poco oltre il 10%). Le previsioni formulate dalle istituzioni europee ipotizzano un forte incremento del tasso di sviluppo della domanda di trasporto, e conseguentemente del traffico, nell'ordine del 40% nel 2030 per quanto concerne il trasporto di merci e del 35 % circa per quanto riguarda il trasporto passeggeri. Un incremento che, se non soddisfatto per una percentuale significativa dal trasporto su ferrovia, comportera' un aggravamento dei problemi che gia' affliggono molti Paesi europei, tra cui in primo luogo l'Italia: congestione delle reti stradali, aumento delle emissioni inquinanti derivanti dagli autoveicoli e aumento dei consumi di combustibili. Il relatore ha poi sottolineato che il pacchetto si presenta come un'iniziativa coraggiosa per promuovere la diffusione di politiche per la concorrenza all'interno di tutto il territorio dell'Unione europea che ha suscitato forti reazioni in alcuni Paesi membri, piu' restii a mettere in discussione gli assetti di monopolio dei rispettivi mercati, come puo' evincersi dagli esiti dell'esame del pacchetto svolto in alcuni Parlamenti e tradottosi nell'adozione di pareri motivati che contestano il mancato rispetto del principio di sussidiarieta' del pacchetto stesso. A suo avviso questo aspetto va esaminato con attenzione dall'Italia in relazione ai potenziali vantaggi che il nostro paese puo' trarne sia dal punto di vista dei consumatori sia per quanto riguarda la qualita' del servizio e la realizzazione di investimenti in infrastrutture e per l'ammodernamento del materiale rotabile. Sul pacchetto la commissione Trasporti svolgera' alcune audizioni che saranno decise in sede di ufficio di presidenza.

lcp/gbt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Di Battista:risponderemo a colpi piazza a tentativo fermare M5s
Governo
Di Maio: no a Gentiloni o altro Avatar per salvare la banca Pd
Governo
Renzi al Pd esclude restare,Gentiloni tiene ma partita non chiusa
Governo
Speranza al Pd: indispensabile una scelta di discontinuità
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina