domenica 04 dicembre | 01:28
pubblicato il 07/feb/2014 10:45

Trasporti/Camera: ferrovie, diritti e obblighi dei passeggeri

(ASCA) - Roma, 7 feb 2014 - Pienamente operativa dal 15 gennaio scorso, l'Autorita' di regolazione dei trasporti puo' svolgere il compito di organismo di controllo della corretta applicazione del regolamento CE 1371/2007 relativo ai diritti e agli obblighi dei passeggeri nel trasporto ferroviario. A sottolinearlo il deputato Vincenzo Garofalo (NCD) relatore per la commissione Trasporti dello schema di decreto legislativo che stabilisce la disciplina sanzionatoria delle violazioni del regolamento comunitario, di cui e' stato avviato l'esame insieme alla commissione Giustizia della Camera. Nello schema l'organismo di controllo viene individuato, nelle more della piena operativita' dell'Authority, nella Direzione generale per il trasporto ferroviario del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti peraltro non ritenuta idonea dalla Commissione europea, in quanto non dotata dei necessari poteri. Le funzioni dell'organismo di controllo - obbligatorio in ogni Stato membro - sono la vigilanza sulla corretta applicazione del regolamento; lo svolgimento di monitoraggi e indagini conoscitive sui servizi; l'accertamento delle violazioni e l'irrogazione delle sanzioni; l'istruttoria e la valutazione dei reclami dei passeggeri. Meglio, dunque, modificare lo schema attribuendo all'Authority queste funzioni. Quanto alle sanzioni pecuniarie, per fare qualche esempio, si va da un minimo di duemila a un massimo di diecimila euro in caso di violazione dell'obbligo di rendere pubblica la soppressione di un servizio; multe da mille a cinquemila euro in caso di inosservanza da parte delle imprese ferroviarie degli obblighi informativi durante il viaggio e da cinquemila a ventimila euro in caso di violazione dell'obbligo delle imprese ferroviarie, per i servizi di trasporto non oggetto di contratto di servizio pubblico, di distribuire biglietti ai passeggeri almeno attraverso una tra le seguenti modalita': biglietterie o distributori automatici; per telefono, su siti Internet o con altre tecnologie diffuse. lcp/gbt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari