venerdì 02 dicembre | 21:10
pubblicato il 14/feb/2014 14:08

Trasporti/Camera: Destinazione Italia, ok Aula. Testo al Senato

(ASCA) - Roma, 14 feb 2014 - Alle battute finali il dl Destinazione Italia. L'11 febbraio l'Aula della Camera ha approvato il ddl di conversione del decreto che e' stato trasmesso al Senato dove le commissioni riunite Finanze e Attivita' produttive hanno gia' avviato l'esame fissando a lunedi' 17 il termine per presentare emendamenti. Il via libera dell'Aula del Senato e' atteso entro la prossima settimana al massimo entro il 21, giorno di scadenza del dl.

Il provvedimento urgente contiene diverse misure di interesse per il trasporto aereo come lo stop alla doppia imposizione dell'addizionale comunale sui diritti d'imbarco per i passeggeri in transito negli scali nazionali se provenienti da scali domestici, l'introduzione di misure trasparenti per l'erogazione di contributi da parte dei gestori aeroportuali ai vettori per l'avvio di nuove rotte, il rifinanziamento fino al 2018 del Fondo speciale per il sostegno del reddito e dell'occupazione del personale del settore del trasporto aereo. Il testo trasmesso al Senato non contiene piu' il passaggio che obbligava a ricorrere a procedure concorrenziali per la scelta dei vettori a cui erogare contributi, mentre prevede un maggiore coinvolgimento dell'Autorita' di regolazione dei trasporti, lo slittamento del termine per l'elaborazione delle linee guida sulle procedure da seguire per l'assegnazione dei contributi e l'introduzione di un valore massimo per il calcolo dell'imposta regionale sulle emissioni sonore degli aeromobili (Iresa) cosi' da evitare effetti distorsivi della concorrenza tra gli scali e promuovere ''l'attrattivita' del sistema aeroportuale italiano, anche con riferimento agli eventi legati all'Expo''. Nel determinare il tributo regionale si dovra' tenere conto anche della distinzione tra voli diurni e notturni e delle peculiarita' urbanistiche delle aree geografiche limitrofe agli scali. L'obiettivo e' limitare la variazione dell'importo dell'imposta da regione e regione cosi' da non penalizzare eccessivamente quegli scali situati nelle regioni dove la tassa e' risultata particolarmente elevata.

lcp/gbt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Renzi: risultato aperto, in 48 ore ci giochiamo i prossimi 20 anni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari