giovedì 23 febbraio | 11:13
pubblicato il 31/mar/2011 07:53

Tragedia per 11 migranti in mare, Governo vara piano immigrati

Sul tavolo Berlusconi il nodo clandestini e dimissioni Mantovano

Tragedia per 11 migranti in mare, Governo vara  piano immigrati

Roma, 31 mar. (askanews) - Cambiano di ora in ora le notizie sul naufragio di ieri al largo del Canale di Sicilia, "ma in acque internazionali", come ha precisato la capitaneria di Lampedusa, di un gommone proveniente dal Nord Africa e soccorso da un peschereccio egiziano che ha dato l'allarme. Le prime notizie parlavano di undici persone a bordo, tutte disperse. Fra le quali un bambino. Questa mattina, invece, secondo altre fonti, i dispersi in mare sarebbero di meno. Cinque degli undici naufraghi, infatti, sarebbero stati salvati dal peschereccio egiziano. Non ancora chiario se fra questi vi è anche il bambino migrante. A Roma, invece, dopo un travaglio non breve nè indolore arriva oggi all'approvazione del Consiglio dei ministri a palazzo Chigi il piano immigrazione del ministro degli Interni leghisti Roberto Maroni che ieri sera ha avuto il via libera di massima da Regioni, Comuni e Province e sostanzialemnte preannunciato a Lampedusa dal presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. Sei navi dovranno trasferire altrove in meno di 60 ore i migranti che hanno raggiunto l'isola. Ma non si sa ancora dirette dove. E seppure al termine dell'incontro fra Regioni e Governo ministri e Governatori hanno assicurato "intesa e concordia in nome della solidarietà", le dichiarazioni di Governatori e amministratori leghisti sono state assai diverse da quelle, ad esempio del Governatore pugliese Niki Vendola e dello stesso presidente della Conferenza delle Regioni, l'emiliano Errani. Il ministro Fitto e la maggioranza dei Governatori a sottolineare che "tutti gli immmigrati saranno equamente ripartiti in ogni Rgeione, senza distinizione", ed i leghisti invece ad escludere ospitalità a chi risulterà "clandestino" dall'identificazione che sulle navi si è iniziata a tentare. Il 'nodo clandestini', però non è l'unico sul tavolo della riunione del Governo. Ieri infatti si è dimesso il Sottosegretario Pdl all'Immigrazione Alfredo Mantovano, insieme a quelle del Sindaco del comune pugliese di Manduria, per protesta contro il sovraffolamento del Cie pugliese e l'ulteriore sovracarrico in arrivo da Lampedusa. "Non ci sto", ha tagliato corto il pugliese Mantovano, annunciando l'abbandono del Governo.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Campidoglio
Grillo: entro due giorni Raggi risolve questione di stadio Roma
Centrosinistra
Entro sabato gruppi ex Pd, pressing per convincere parlamentari
Roma
Grillo: Roma una bomba atomica, che pretendete da M5s?
Governo
Renzi: governo fa cose importanti ma se ne parla poco
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Nestlé eliminerà 18.000 tonn. di zucchero da prodotti entro 2020
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
A Tallinn in Estonia un robot fattorino fa consegne a domicilio
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech