mercoledì 22 febbraio | 19:25
pubblicato il 14/mar/2015 19:01

Tosi in campo in Veneto contro Zaia: mi candido da uomo libero

Salvini: auguri, i veneti con noi. Moretti ci spera: vincerò io

Tosi in campo in Veneto contro Zaia: mi candido da uomo libero

Verona, 14 mar. (askanews) - Standing ovation e tripudio di gerbere gialle per Flavio Tosi che ha annunciato ufficialmente la sua discesa in campo dal palco della convention della sua fondazione "Ricostruiamo il Paese" nell'auditorium gremito, centinaia di persone, della Fiera di Verona. Visibilmente emozionato il sindaco ribelle di Verona ha fatto un intervento stringato ma efficace ed è andato subito al punto."Sono qui per candidarmi alla presidenza della Regione Veneto. Dopo questi bruttissimi giorni, avrei potuto ritirarmi in seminario ma Patrizia (Bisinella la senatrice della Lega compagna di Tosi ndr.) non sarebbe stata d'accordo".

Dopo l'espulsione dal Carroccio, Tosi ha ribadito di essere ora "un uomo politicamente libero" anche se, riferendosi al segretario federale Matteo Salvini "qualcuno ha forzato la nostra scelta, ma oggi camminiamo con le nostre gambe. Siamo pronti per questa avventura". Il sindaco veronese che correrà con una sua lista civica ha fatto sapere che il suo "sarà un programma elettorale essenziale basato sul fare". Ad ascoltare Tosi sono giunti i fedelissimi compagni di partito come Matteo Toscani, Luca Baggio che hanno costituito in consiglio regionale veneto un nuovo gruppo "Impegno Veneto" sostegno di Tosi, c'erano anche Manuela Munerato e Matteo Bragantini.

Tosi ha ricordato la sua vicenda personale e politica con commozione. "Per me sono stati 25 anni di storia nella Lega, anni in cui il movimento è diventato per me una famiglia, sono pagine dure da chiudere". Non ha poi nascosto la sua delusione per la svolta assunta dal Carroccio nell'era Salvini. "È anche vero che, parlando di gerarchi e regole, la Lega è cambiata non è quella di Miglio o di Umberto Bossi. Nemmeno Matteo Renzi, leader del centrosinistra, avrebbe fatto quello che ha fatto Salvini per cacciare il leader della minoranza interna". Sul fronte alleanze, l'"eretico" Tosi non ha voluto svelare nulla, tutto è in divenire, "lasciatemi il tempo di pensare - ha sottolineato - intanto parto da Flavio Tosi, dagli amici che hanno condiviso questo percorso dentro la Lega e fuori dalla Lega". Per Tosi l'ipotesi di un accordo con Forza Italia pare non essere all'orizzonte: "Berlusconi mi pare abbia detto finora in maniera netta che sostiene Luca Zaia e quindi mantiene il modello tradizionale. Del resto, con Berlusconi sono anni che non parlo, non sono nella sua testa non so cosa stia pensando". In Forza Italia, però, ci sono altri che potrebbero essere interessati a una corsa col sindaco veronese, come i "Ricostruttori" di Raffaele Fitto. Ma si vedrà. Il sostegno c'è, ha assicurato Tosi, "anche da parte di altre forze politiche e dei tanti amici della Lega che hanno deciso di condividere questo nuovo percorso".

L'obiettivo di Tosi è sempre stato quello di aggregare forze del centrodestra moderato insieme alla destra e, ovviamente, alla Lega per dar vita a un soggetto politico in grado di "essere vera alternativa al centrosinistra". Nella giornata di Tosi, non a caso, Matteo Salvini ha trascorso la mattina e il pomeriggio in Veneto a fare campagna con e per Flavio Tosi. E il segretariodella Lega si è volutamente tenuto a debita distanza dalle polemiche con l'ex collega di partito. A Tosi, Salvini sportivamente ma con freddezza, Salvini ha fatto gli "auguri". Mentre Zaia ha ribadito a ogni piè sospinto il ruolo del territorio nella composizione delle liste. Composizione che il Consiglio Nathional non ha ancora composto, preferendo prendersi altri 15 giorni per riflettere visto il voto previsto a fine maggio.

Infine anche la candidata del centrosinistra, Alessandra Moretti ha presentato l'avvio della sua campagna elettorale al centro congressi Papa Luciani a Padova, pronta ad approffitatre della doppia candidatura nel campo avverso. "Ho iniziato il mio viaggio in ascolto del Veneto a gennaio- ha ricordato- eravamo gia convinti che il centrosinistra a maggio avrebbe vinto le elezioni. Non sulle macerie del centrodestra perche allora il centrodestra era compatto e la Lega non era divisa". Su un'ipotesi di dialogo con Flavio Tosi che e sceso oggi in campo, Moretti ha sottolineato:"Ho grande rispetto per Tosi, come per tutti gli avversari. Sara un candidato temibile- ha avvertito-come Luca Zaia. La. Sfida si fa interessante, c'e grande entusiasmo e impegno. Ci confronteremo con tutti quelli che vogliono segnare una netta discontinuita rispetto alla gestione Galan-Zaia, quindi parleremo con tutti i politici che vogliono misurarsi sulle proposte e sulle idee. Sono dietrologie banali. Io penso a parlare ai veneti di proposte vere, concrete. Smettiamola con politica degli intrallazzi e degli inciuci. Sarò il sindaco del Veneto e saro sempre tra la gente, in ascolto. Nel suo programma il tema del lavoro, ha ricordato e un tema centrale cosi come la sanità".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Orfini: dopo Emiliano spero ci ripensino Rossi e Speranza
Pd
Speranza: Emiliano resta nel Partito di Renzi, noi no
Campidoglio
Grillo: entro due giorni Raggi risolve questione di stadio Roma
Pd
Pd, Emiliano: non faccio a Renzi il favore della scissione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Spazio, astronauti italiani e cinesi lavoreranno fianco a fianco
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech