domenica 04 dicembre | 07:28
pubblicato il 11/set/2014 12:37

Toscana: nuova legge elettorale con intesa Pd-Fi, Dem spaccati al voto

(ASCA) - Firenze, 11 set 2014 - E' arrivato stamani all'alba il via libera del Consiglio regionale al 'Toscanellum', la nuova legge elettorale della Toscana. Hanno votato a favore 33 consiglieri (Pd, Forza Italia, Toscana civica riformista, Piu' Toscana, i consiglieri Rudi Russo del Centro democratico, Pieraldo Ciucchi, Gruppo misto, Marco Carraresi, Udc). Non hanno preso parte alla votazione, pur essendo presenti in Aula, i consiglieri del Partito democratico Boretti, Lastri, Matergi, Mattei, Morelli, Tognocchi e Venturi e la consigliera Chincarini, capogruppo del Centro democratico.

La nuova legge prevede l'elezione diretta del presidente della Giunta regionale, con eventuale doppio turno, nel caso in cui nessun candidato superi la soglia del 40%. Tornano le preferenze, e' previsto un listino regionale facoltativo con un massimo di tre candidature (con alternanza di genere).

Sono previsti premio di maggioranza (60% se il presidente eletto ha conseguito piu' del 45% dei voti; 57,5% se il candidato eletto ha conseguito tra il 40 ed il 45% dei voti validi nel primo turno di votazione) e soglie di sbarramento (10% per le coalizioni, 5% per i partiti che non facciano parte di coalizione, 3% per i partiti che facciano parte di una coalizione). Viene introdotto il principio dell'alternanza di genere. Il voto alla lista puo' essere accompagnato dall'espressione di uno o due voti di preferenza. In caso di due voti di preferenza, essi devono essere espressi in favore di candidati di genere diverso, pena la nullita' della seconda preferenza.

''Il Pd ha mantenuto la sua promessa con gli elettori. Da oggi la Toscana ha una nuova legge elettorale con la quale i cittadini tornano a scegliere i consiglieri regionali - commenta Antonio Mazzeo, responsabile organizzazione del PD toscano -. La legge nasce da un accordo anche con il principale partito di opposizione. Una legge elettorale e' un pilastro della democrazia che non puo' essere decisa solo da una parte''.

afe/cam

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari