sabato 03 dicembre | 01:25
pubblicato il 14/set/2015 13:39

Torna Floris con "diMartedì", si parte con Marino e Boldrini

Il conduttore: continuiamo con l'approfondimento di qualità

Torna Floris con "diMartedì", si parte con Marino e Boldrini

Roma, 14 set. (askanews) - Da domani torna "diMartedì" il programma di attualità e approfondimento di Giovanni Floris in onda su La7, ogni martedì in prima serata. Dopo la partenza incerta dello scorso anno, che ha visto però una costante crescita negli ascolti, fino a ottenere un 5% di share in 37 puntate come dato complessivo di stagione, arrivando a raddoppiare a giugno i dati d'inizio, la formula resta la stessa, almeno in partenza: dibattito con ospiti in studio, interviste, servizi di approfondimento e incursioni in luoghi particolari solitamente chiusi al pubblico. Quest'anno si inizia con una visita ai giardini del Quirinale. Ospiti della prima puntata, la presidente della Camera Laura Boldrini e il sindaco di Roma Ignazio Marino, si parlerà tra le altre cose di migranti e emergenze della Capitale, con l'immancabile copertina di Maurizio Crozza.

Floris secondo l'ad de La7, Marco Ghigliani, ha "acceso la serata del martedì". E' un "fondista" - ha detto alla presentazione della seconda stagione oggi a Roma - che grazie al lavoro della squadra ha messo a punto man mano il format, fino a raggiungere grandi risultati, dimostrando che in un sovraffollamento di talk show c'è spazio per chi lo fa senza ricorrere alla rissa, cercando il confronto e non lo scontro". Il giornalista-conduttore si è detto soddisfatto: "All'inizio mi sono spaventato, non era facile convincere il pubblico a spostarsi su un'altra rete. Pian piano abbiamo inventato un prodotto nuovo. Noi pensavamo di partire più forti, ma pensavamo di crescere molto meno. Non pensavo in un anno di crearmi uno spazio del 7% - ha aggiunto -. Adesso bisogna difenderlo, abbiamo tanti anni davanti, bisogna abituare il pubblico, capirlo, inventare cosa manca nel mercato dei talk, che è veramente ricco. Bisogna raffinarsi, lavorare sulla qualità".

Il suo contratto con La7 è pluriennale e non si escludono altri progetti, oltre a "diMartedì". Sul caso Bruno Vespa e i Casamonica a "Porta a Porta", Floris ha tagliato corto: "Penso che ogni giornalista sia libero di invitare chi vuole. Io la puntata l'avrei fatta diversa, ma la nostra è una trasmissione diversa". Infine, scherzando sui possibili ospiti internazionali di questa stagione, dopo aver avuto Marine Le Pen e Pierre Moscovici in studio, ha confessato: "Mi piacerebbe avere Angela Merkel e perché no, esageriamo, Barack Obama".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari