martedì 24 gennaio | 18:52
pubblicato il 14/set/2015 13:39

Torna Floris con "diMartedì", si parte con Marino e Boldrini

Il conduttore: continuiamo con l'approfondimento di qualità

Torna Floris con "diMartedì", si parte con Marino e Boldrini

Roma, 14 set. (askanews) - Da domani torna "diMartedì" il programma di attualità e approfondimento di Giovanni Floris in onda su La7, ogni martedì in prima serata. Dopo la partenza incerta dello scorso anno, che ha visto però una costante crescita negli ascolti, fino a ottenere un 5% di share in 37 puntate come dato complessivo di stagione, arrivando a raddoppiare a giugno i dati d'inizio, la formula resta la stessa, almeno in partenza: dibattito con ospiti in studio, interviste, servizi di approfondimento e incursioni in luoghi particolari solitamente chiusi al pubblico. Quest'anno si inizia con una visita ai giardini del Quirinale. Ospiti della prima puntata, la presidente della Camera Laura Boldrini e il sindaco di Roma Ignazio Marino, si parlerà tra le altre cose di migranti e emergenze della Capitale, con l'immancabile copertina di Maurizio Crozza.

Floris secondo l'ad de La7, Marco Ghigliani, ha "acceso la serata del martedì". E' un "fondista" - ha detto alla presentazione della seconda stagione oggi a Roma - che grazie al lavoro della squadra ha messo a punto man mano il format, fino a raggiungere grandi risultati, dimostrando che in un sovraffollamento di talk show c'è spazio per chi lo fa senza ricorrere alla rissa, cercando il confronto e non lo scontro". Il giornalista-conduttore si è detto soddisfatto: "All'inizio mi sono spaventato, non era facile convincere il pubblico a spostarsi su un'altra rete. Pian piano abbiamo inventato un prodotto nuovo. Noi pensavamo di partire più forti, ma pensavamo di crescere molto meno. Non pensavo in un anno di crearmi uno spazio del 7% - ha aggiunto -. Adesso bisogna difenderlo, abbiamo tanti anni davanti, bisogna abituare il pubblico, capirlo, inventare cosa manca nel mercato dei talk, che è veramente ricco. Bisogna raffinarsi, lavorare sulla qualità".

Il suo contratto con La7 è pluriennale e non si escludono altri progetti, oltre a "diMartedì". Sul caso Bruno Vespa e i Casamonica a "Porta a Porta", Floris ha tagliato corto: "Penso che ogni giornalista sia libero di invitare chi vuole. Io la puntata l'avrei fatta diversa, ma la nostra è una trasmissione diversa". Infine, scherzando sui possibili ospiti internazionali di questa stagione, dopo aver avuto Marine Le Pen e Pierre Moscovici in studio, ha confessato: "Mi piacerebbe avere Angela Merkel e perché no, esageriamo, Barack Obama".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Fassino: un giovane Prodi? Il Pd un leader ce l'ha già
Governo
A P.Chigi summit Gentiloni e ministri su sicurezza-immigrazione
L.elettorale
Partiti attendono Consulta su Italicum. Già divisi sul day-after
M5s
Grillo a eletti M5s: siete portavoce, linea la decidono iscritti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Al via Peter Baby Bio, progetto toscano per omogeneizzati Km zero
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4