domenica 04 dicembre | 11:45
pubblicato il 26/feb/2011 18:27

Torino 2011/ Domani le primarie, cinque i candidati in campo

In pole position Fassino e Gariglio, ma c'è l'incognita Passoni

Torino 2011/ Domani le primarie, cinque i candidati in campo

Torino, 26 feb. (askanews) - Cinque i candidati in corsa alle primarie torinesi del centrosinistra, di cui due del Pd (Piero Fassino e davide Gariglio) che si sono dati battaglia fino all'ultimo tra polemiche e spartizioni di consensi da parte dell'establishment sabaudo. Domani 27 febbraio alle urne si fronteggeranno: l'ex segretario dei Ds, Piero Fassino e Davide Gariglio, ex presidente del Consiglio regionale del Piemonte (con Bresso), ma anche il presidente dei Radicali Italiani, Silvio Viale, ginecologo che si è contraddistinto per la battaglia a favore della pillola abortiva Ru486, Michele Curto, 30 anni il più giovane dei candidati, fondatore dell'associazione Terra del Fuoco, che vive in una comunita' di rom e rifugiati politici, vicino politicamente a Sel e agli ambienti di Don Ciotti, e Gianguido Passoni, assessore al Bilancio della Giunta Chiamparino ed ex Pdci. E proprio quest'ultimo, definito il "terzo incomodo" tra Fassino e Gariglio, su cui si e' polarizzata la competizione per le primarie, sta coagulando sempre piu' consensi, anche fra professionisti e accademici. Fassino comunque si sente forte dell'appoggio del sindaco uscente Sergio Chiamparino, e dei cosiddetti poteri forti torinesi: oltre al presidente della Compagnia di Sanpaolo, Angelo Benessia, anche Enrico Salza, Evelina Christillin, Carlo De Benedetti e Paolo Cantarella erano seduti in prima fila al lancio della sua campagna 'Gran Torino'. Alla vigilia delle primarie Fassino ha lanciato l'ultimo appello agli elettori, una sorta di chiamata al cosiddetto 'voto utile': "Domani i torinesi sono chiamati a scegliere il candidato sindaco del centrosinistra, tenendo conto che il centrosinistra vuol vincere le elezioni comunali a maggio. Tutti i recenti sondaggi dimostrano che con la mia candidatura e' possibile per il centro sinistra vincere al primo turno e con una larga maggioranza" ha detto l'ex segretario dei Ds. Su Gariglio, 43 anni ex popolare, principale sfidante di Piero Fassino, puntano docenti universitari non solo di matrice cattolica e moderata e gli inetllettuali che guarda con sospetto al fatto che il futuro di Torino sia ancora troppo legato alla Fiat e a Marchionne, come il professor Giuseppe Berta e i colleghi accademici Claudio Gorlier e Stefano Ambrosini. (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari