sabato 03 dicembre | 07:43
pubblicato il 05/nov/2013 16:10

Terzo settore: Forum ricevuto oggi da ministro Franceschini

(ASCA) - Roma, 5 nov - Una delegazione del Forum nazionale del Terzo Settore e' stata ricevuta questa mattina dal Ministro Dario Franceschini. Al centro dell'incontro con il Ministro per i rapporti con il Parlamento, i temi di maggiore criticita' presenti nel disegno di Legge di Stabilita' 2014 per il terzo settore. Il tema del contrasto alla poverta', che nel nostro Paese ha raggiunto livelli di drammaticita' - e di record negativi - con l8% della popolazione che versa in uno stato di poverta' assoluta. Il Forum ha chiesto che vengano messe in campo risorse economiche e misure di contrasto efficaci, che diano al nostro Paese, come gia' accade per gli altri Paesi europei, la possibilita' di realizzare un Piano nazionale di contrasto alla poverta'. Come ad esempio un'armonizzazione della proposta del Reis, il reddito di inclusione sociale, proposto da Acli e Caritas, con quella del Sia, il sostegno all'inclusione attiva, proposta dal Ministro Giovannini. Tra gli altri temi discussi quello del rifinanziamento dei fondi destinati alle politiche sociali (Fondo per la Non autosufficienza, Fondo per le Politiche sociali, Fondo Infanzia), le agevolazioni sull'imposta di registro per il non profit; la tassa Imu per gli immobili posseduti dagli enti non commerciali e la detrazione Tares; le risorse per il servizio civile e per la cooperazione internazionale; la richiesta di stabilizzazione del 5 per mille. ''Tutto questo - commenta il Portavoce del Forum, Pietro Barbieri - nell'ottica di poter finalmente ragionare a lungo termine sulle politiche di welfare di cui c'e' estremo bisogno per portare il nostro Paese fuori dalla crisi e parlare di crescita, equita', inclusione sociale, sostenibilita'.'' ''Franceschini ha ascoltato le nostre istanze - conclude Barbieri -, dichiarando la volonta' di lavorare e dare il proprio contributo per garantire misure mirate e piu' incisive, rispetto alla questione degli incapienti e della poverta', per il 2014.'' A margine dell'incontro, il tema della rappresentanza e della partecipazione del terzo settore nella determinazione di politiche sociali e di welfare che, dalla chiusura dell'Agenzia per il Terzo Settore, ha subito un duro colpo.

red/gc

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari