lunedì 05 dicembre | 15:42
pubblicato il 12/set/2014 16:12

Terrorismo, M5s: perche'' Renzi rinvia ancora audizione Copasir?

(ASCA) - Roma, 12 set 2014 - "Non si spiega l'atteggiamento del primo ministro che rinvia ancora una volta l'audizione al Copasir.

Programmata per la prossima settimana, e' stata rimandata. In un momento di gravissime tensioni internazionali, di minacce terroristiche e' dovere di chi e' a capo del Governo riferire alla commissione preposta".

I membri M5S del Copasir esprimono la loro piena irritazione: "Stiamo aspettando da mesi di audire Renzi. Ora la nuova data e' il 30 settembre. Ci chiediamo cosa ci sia di piu' importante del riferire sulla sicurezza nazionale. Quali sono i tanti e pressanti impegni che gli impediscono di presentarsi? Le minacce terroristiche non aspettano l'agenda del premier. Tutte domande che non hanno risposta, eppure gia' avevamo avvisato che le attivita' di intelligence necessitano di un Governo serio e affidabile, e ancora una volta abbiamo la dimostrazione di poca affidabilita' in materia di sicurezza di questa compagine governativa".

SGR

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, Grillo: addio Renzi, ha vinto la democrazia
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari