martedì 24 gennaio | 20:44
pubblicato il 13/set/2013 20:06

Terremoto/E.Romagna: Errani a Letta, fatto tanto. Ma resta molto lavoro

Terremoto/E.Romagna: Errani a Letta, fatto tanto. Ma resta molto lavoro

(ASCA) - Roma, 13 set - Per la ricostruzione delle aree terremotate dell'Emilia ''molto e' stato fatto. Ma ci attende ancora molto lavoro e ci sono questioni importanti da affrontare insieme''. Lo scrive - informa una nota - il presidente della regione Emilia-Romagna e commissario delegato alla ricostruzione, Vasco Errani, in una lettera inviata al presidente del Consiglio, Letta, ed ai parlamentari emiliano-romagnoli.

In due distinte missive il commissario Errani - ripercorrendo e mettendo in valore quanto fatto fino ad oggi, grazie alla forte collaborazione istituzionale - mette in fila le questioni gia' in itinere, ma ancora da chiudere per dare un ulteriore impulso alla ricostruzione, e quelle da introdurre ex-novo.

Tra le prime, ad esempio Errani cita il superamento del vincolo di residenza anagrafica per l'accesso ai contributi, l'autorizzazione al pagamento della differenza degli interessi sui mutui sospesi alle famiglie, la necessita' di varare il decreto per l'impiego dei fondi Inail 2013 per la sicurezza sismica e l'inclusione, fra i beneficiari, degli imprenditori a titolo individuale e degli imprenditori agricoli.

Altro tema affrontato dal commissario Errani sono le questioni che occorre invece affrontare ex novo per accelerare e migliorare le misure per la ricostruzione.

Tra queste, ad esempio, la richiesta che - nei casi di demolizione con delocalizzazione totale o parziale degli edifici decisa dai Comuni - venga concessa la facolta' di attribuire i contributi pubblici anche per l'acquisto di alloggi esistenti, e sia possibile riconoscere ai beneficiari il contributo congruo all'intervento di ricostruzione o acquisto.

Sul versante imprese, si chiede inoltre di estendere l'impiego dei 6 miliardi previsti dalla legge 135/2012 anche alle spese di delocalizzazione e rientro nelle sedi originarie sostenute dalle aziende per garantire la continuita' della produzione e dell'occupazione e per il ripristino delle scorte.

Altro tema affrontato nella lettera di Errani a Letta e ai parlamentari emiliano-romagnoli e' la richiesta di estendere la detrazione al 65% per le spese per il consolidamento antisismico anche ai comuni dell'Emilia colpiti dal sisma del maggio 2012, che il decreto ''ecobonus'' prevede solo per i comuni compresi nelle zone a rischio sismico classificati 1 e 2.

com-stt/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Fassino: un giovane Prodi? Il Pd un leader ce l'ha già
Governo
A P.Chigi summit Gentiloni e ministri su sicurezza-immigrazione
M5s
Grillo imbavaglia i suoi: parlate se autorizzati o andate via
M5s
Grillo a eletti M5s: siete portavoce, linea la decidono iscritti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Al via Peter Baby Bio, progetto toscano per omogeneizzati Km zero
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4