venerdì 24 febbraio | 14:26
pubblicato il 30/dic/2013 11:48

Terremoto: Realacci (Pd), grande piano prevenzione nel patto del governo

Terremoto: Realacci (Pd), grande piano prevenzione nel patto del governo

(ASCA) - Roma, 30 dic - ''Le scosse che hanno colpito varie parti d'Italia in questi giorni confermano la necessita' di avviare un vasto piano di prevenzione antisismica nel nostro Paese per evitare in futuro vittime e gravi danni''. Lo afferma Ermete Realacci (Pd), presidente della commissione Ambiente Territorio e Lavori Pubblici della Camera, sullo sciame sismico in atto in Campania e in Umbria.

''Un passo avanti importante e' stato fatto - afferma Realacci - estendendo, nel passaggio alla Camera, il credito di imposta del 65% anche agli interventi di consolidamento antisismico per le zone 1 e 2. Questa misura va pero' stabilizzata ed estesa come piu' volte chiesto dalla VIII Commissione Ambiente della Camera, anche con una risoluzione approvata all'unanimita'. Vanno inoltre messe in atto tutte quelle azioni, come una revisione dei vincoli del Patto di Stabilita' interno, in grado di consentire agli Enti locali che abbiano risorse da investire, di realizzare interventi per mettere in sicurezza gli edifici pubblici, dando priorita' a scuole e ospedali. Quasi il 60% degli edifici scolastici italiani, come ricorda il dossier Ecosistema Scuola di Legambiente, e' stato costruito prima dell'emanazione delle normative antisismiche''. ''Un vasto piano di prevenzione - conclude l'esponente del Pd - e' anche un'occasione straordinaria per rilanciare l'economia e l'occupazione in un settore importante come l'edilizia, che dall'inizio della crisi ha perso oltre 500 mila addetti considerando l'indotto e ha visto chiudere 12 mila imprese, attirando capitali sia pubblici che privati e qualificando tutto il sistema di imprese. Un piano di prevenzione antisismica puo' infatti produrre decine di migliaia di posti di lavoro. E sarebbe una maniera intelligente anche per evitare non solo nuove vittime, ma anche alti costi: dal dopoguerra a oggi il costo dei danni dovuti a frane, alluvioni e terremoti e' di oltre 260 miliardi di euro''.

com-sgr/cam/alf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sinistra
Scotto: nuova forza di sinistra con ex Pd, con noi 17 ex Si
Ncd
Alfano: i moderati tornino uniti contro il populismo
Ue
Mattarella:Ue ha valore irreversibile, da crisi uscirà più forte
Pd
Nel Pd braccio di ferro su data primarie, Orlando in campo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech