venerdì 20 gennaio | 01:11
pubblicato il 24/set/2013 12:24

Telecom: Brunetta, su vendita azioni Letta venga in Aula e spieghi

Telecom: Brunetta, su vendita azioni Letta venga in Aula e spieghi

(ASCA) - Roma, 24 set - ''Sulla vendita di azioni Telco alla societa' spagnola Telefonica e sul conseguente nuovo assetto di controllo di una delle imprese chiave per lo sviluppo del nostro Paese, Telecom Italia, serve un quadro dettagliato per esprimere qualsiasi giudizio ma e' evidente che e' proprio la mancanza di dettagli e di chiarezza che alimenta le preoccupazioni. Per questo chiedo al presidente del Consiglio, Enrico Letta, di venire in Aula alla Camera dei deputati a illustrare la valutazione e le considerazioni del governo su un'operazione che rientra nelle logiche di mercato, e come tale non e' stata preannunciata, ma coinvolge da molto vicino tutti gli sforzi e gli investimenti che le imprese e le pubbliche amministrazioni stanno mettendo in campo per affrontare la sfida dell'economia digitale''. Lo ha affermato in una nota il capogruppo Pdl alla Camera, Renato Brunetta. ''In particolare - ha chiarito - eravamo rimasti fermi alle frammentarie e contraddittorie informazioni sullo scorporo della rete fissa, all'ipotesi d'ingresso della Cassa Depositi e Prestiti, alla trasformazione di Telecom Italia da azienda nazionale di telecomunicazioni ad attore protagonista della sfida mondiale dei servizi via internet, alla necessita' di ingenti investimenti in infrastrutture per le reti di nuova generazione, alle preoccupazioni sull'indebitamento e sulle tariffe''. ''Cosa cambiera' con i due terzi del capitale Telco in mano agli spagnoli? Ci saranno ancora le risorse per gli investimenti e per lo sviluppo dei servizi? A che punto e' il progetto di scorporo della rete fissa e quali sono le prospettive del settore in Italia?'' Queste, per il capogruppo, ''sono solo alcune delle domande alle quali il presidente del Consiglio dovra' rispondere, e mi auguro lo faccia nel piu' breve tempo possibile e senza perdere di vista il fatto che in questi giorni il nostro Paese continua a cedere pezzi pregiati a imprese straniere e fatica a investire su stesso. Se continuiamo cosi' ci resteranno solo le scorie di quello che era ed e' ancora un grande sistema industriale''. com-brm/cam/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
D'Alema: con Renzi non vinceremo mai, leader e premier nuovi
Terremoti
Terremoto, Salvini: il trombato Errani commissario è demenziale
Terremoti
Blog Grillo: col cuore in Abruzzo. E' il momento di essere uniti
Terremoti
Terremoto, Gentiloni presiede a Rieti vertice Protezione Civile
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale