sabato 21 gennaio | 09:45
pubblicato il 04/apr/2014 11:26

Tasi: Capezzone(FI), altro grande imbroglio. Bocciati nostri emendamenti

Tasi: Capezzone(FI), altro grande imbroglio. Bocciati nostri emendamenti

(ASCA) - Roma, 4 apr 2014 - ''Un ennesimo grande imbroglio si sta compiendo sulla Tasi, la nuova tassa, di natura patrimoniale, come ha spiegato la Corte dei Conti, che da quest'anno colpira' le abitazioni principali degli italiani in alcuni casi persino in misura maggiore della vecchia Imu''. Lo afferma in una nota Daniele Capezzone (FI), presidente della commissione Finanze della Camera che, insieme con la Bilancio, sta esaminando il Dl Enti locali comprensivo anche delle norme sulla Tasi. ''Governo e Associazione nazionale dei Comuni (Anci) - prosegue - avevano pubblicamente e ripetutamente giustificato l'aumento della Tasi di un ulteriore 0,8 per mille, con l'esigenza di finanziare detrazioni per la prima casa.

Un'imposta leggermente piu' pesante ma allo scopo di alleviarne il peso su alcune famiglie, dicevano''.

''Ma ieri notte, nel corso dell'esame del testo, le cose sono andate molto diversamente. Non solo sono stati respinti i nostri emendamenti (che ovviamente ripresenteremo in Aula) per la soppressione integrale della tassa sulla prima casa (con nostra ineccepibile proposta di copertura: o con centralizzazione degli acquisti di beni e servizi della P.A o con taglio lineare di tali acquisti), ma e' stato bocciato perfino un nostro emendamento minimale che chiedeva ai Comuni almeno (ed era davvero il ...minimo sindacale!) di allegare ai bilanci un documento che dimostrasse e certificasse l'effettiva e integrale destinazione dello 0.8 aggiuntivo alle detrazioni''.

Relatori e Governo, con la tecnica del ''carciofo'', cioe' sottraendo una foglia dopo l'altra, dapprima hanno chiesto di eliminare il voto del Consiglio comunale sul tema, poi la messa in Internet del documento, poi l'obbligo di certificazione e le relative responsabilita', e successivamente hanno chiesto di eliminare il riferimento all'integralita' della destinazione dello 0.8 alle detrazioni. Insomma, il tentativo e' stato quello di svuotare l'emedamento. Al nostro rifiuto, e quindi al momento del voto sulla versione integrale dell'emendamento, Governo e maggioranza lo hanno bocciato.

Morale. Non solo i Comuni hanno ottenuto di poter usare come meglio credono i 500 milioni che al contrario nella legge di stabilita' erano vincolati a copertura delle detrazioni. Ora viene fuori che potranno usare liberamente anche l'aumento Tasi dello 0,8 per mille, destinandolo solo in parte alle detrazioni per la prima casa. In Aula daremo battaglia anche su questo punto: questo ulteriore aumento della Tasi e' stato chiesto, e concesso, allo scopo di alleggerire l'imposta sulla prima casa, o e' semplicemente un'ulteriore tosatura dei contribuenti?''.

sgr/sam/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Renzi al Nazareno incontra big del partito
Craxi
Berlusconi: mi manca Craxi, è stato vittima di un golpe
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: stanziati 30 milioni per l'emergenza
Maltempo
Rigopiano, Gentiloni: grazie a chi salva vite, forza e coraggio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4