domenica 04 dicembre | 22:03
pubblicato il 04/apr/2014 11:26

Tasi: Capezzone(FI), altro grande imbroglio. Bocciati nostri emendamenti

Tasi: Capezzone(FI), altro grande imbroglio. Bocciati nostri emendamenti

(ASCA) - Roma, 4 apr 2014 - ''Un ennesimo grande imbroglio si sta compiendo sulla Tasi, la nuova tassa, di natura patrimoniale, come ha spiegato la Corte dei Conti, che da quest'anno colpira' le abitazioni principali degli italiani in alcuni casi persino in misura maggiore della vecchia Imu''. Lo afferma in una nota Daniele Capezzone (FI), presidente della commissione Finanze della Camera che, insieme con la Bilancio, sta esaminando il Dl Enti locali comprensivo anche delle norme sulla Tasi. ''Governo e Associazione nazionale dei Comuni (Anci) - prosegue - avevano pubblicamente e ripetutamente giustificato l'aumento della Tasi di un ulteriore 0,8 per mille, con l'esigenza di finanziare detrazioni per la prima casa.

Un'imposta leggermente piu' pesante ma allo scopo di alleviarne il peso su alcune famiglie, dicevano''.

''Ma ieri notte, nel corso dell'esame del testo, le cose sono andate molto diversamente. Non solo sono stati respinti i nostri emendamenti (che ovviamente ripresenteremo in Aula) per la soppressione integrale della tassa sulla prima casa (con nostra ineccepibile proposta di copertura: o con centralizzazione degli acquisti di beni e servizi della P.A o con taglio lineare di tali acquisti), ma e' stato bocciato perfino un nostro emendamento minimale che chiedeva ai Comuni almeno (ed era davvero il ...minimo sindacale!) di allegare ai bilanci un documento che dimostrasse e certificasse l'effettiva e integrale destinazione dello 0.8 aggiuntivo alle detrazioni''.

Relatori e Governo, con la tecnica del ''carciofo'', cioe' sottraendo una foglia dopo l'altra, dapprima hanno chiesto di eliminare il voto del Consiglio comunale sul tema, poi la messa in Internet del documento, poi l'obbligo di certificazione e le relative responsabilita', e successivamente hanno chiesto di eliminare il riferimento all'integralita' della destinazione dello 0.8 alle detrazioni. Insomma, il tentativo e' stato quello di svuotare l'emedamento. Al nostro rifiuto, e quindi al momento del voto sulla versione integrale dell'emendamento, Governo e maggioranza lo hanno bocciato.

Morale. Non solo i Comuni hanno ottenuto di poter usare come meglio credono i 500 milioni che al contrario nella legge di stabilita' erano vincolati a copertura delle detrazioni. Ora viene fuori che potranno usare liberamente anche l'aumento Tasi dello 0,8 per mille, destinandolo solo in parte alle detrazioni per la prima casa. In Aula daremo battaglia anche su questo punto: questo ulteriore aumento della Tasi e' stato chiesto, e concesso, allo scopo di alleggerire l'imposta sulla prima casa, o e' semplicemente un'ulteriore tosatura dei contribuenti?''.

sgr/sam/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, Viminale assicura: matite copiative sono indelebili
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari