martedì 24 gennaio | 18:34
pubblicato il 28/nov/2013 13:47

Tap: Matarrese (Sc), Italia piu' Hub europeo con infrastruttura Puglia

(ASCA) - Roma, 28 nov - ''La ratifica dell'accordo tra Italia, Grecia ed Albania, in discussione oggi alla Camera dei Deputati, consentira' la progettazione del Gasdotto Trans Adriatico -TAP, che potrebbe veicolare fino a 21 miliardi di metri cubi di gas dall'Azerbaijan, dal confine tra Grecia e Turchia, in Italia e precisamente in Puglia attraverso l'Albania. L'infrastruttura e' di rilevante importanza strategica per il nostro Paese e per l'Europa per tre fondamentali ordini di motivi''. Lo afferma Salvatore Matarrese a margine del suo intervento alla Camera dei Deputati in favore della ratifica dell'accordo tra Italia, Grecia ed Albania per la realizzazione di un nuovo Gasdotto.

''Innanzitutto, consentira' al nostro Paese di accreditarsi sempre piu' quale HUB europeo strategico per il trasporto di gas dalla Puglia verso il nord Italia e verso il Nord dell'Europa con ricadute economiche, logistiche e di sicurezza certamente positive. La rilevanza dell'opera e' stata sottolineata dal Commissario Barroso che ha definito questo accordo 'un successo condiviso per l'Europa e una pietra miliare nel rafforzare la sicurezza energetica dell'Unione''', aggiunge Matarrese.

''In secondo luogo, la realizzazione del gasdotto consentira' alle nostre aziende ed al nostro sistema industriale di essere maggiormente competitivi nel mercato in quanto porra' le condizioni per un maggiore e diversificato approvvigionamento di gas da altri Paesi fornitori a costi certamente piu' ridotti grazie alla competizione che si andra' a creare tra diversi gestori nel mercato. Terzo: saranno certe anche le inattese e positive ricadute sui livelli occupazionali che caratterizzano la regione Puglia in un momento di crisi economica e sociale particolarmente sentito come quello attuale. Risponderei alle critiche mosse alla realizzazione di questo progetto evidenziando che la realizzazione del gasdotto non avra' alcun impatto ambientale negativo e rispettera' le procedure di Valutazione di impatto ambientale previste dalla normativa vigente e infatti il Governo ha gia' dato parere positivo alle iniziative da realizzarsi in Puglia. Sarebbe auspicabile poterlo ubicare nel retroporto di Otranto, laddove ve ne e' gia' uno regolarmente autorizzato secondo le procedure di legge'', conclude Matarrese.

com-ceg

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Fassino: un giovane Prodi? Il Pd un leader ce l'ha già
Governo
A P.Chigi summit Gentiloni e ministri su sicurezza-immigrazione
L.elettorale
Partiti attendono Consulta su Italicum. Già divisi sul day-after
M5s
Grillo a eletti M5s: siete portavoce, linea la decidono iscritti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Al via Peter Baby Bio, progetto toscano per omogeneizzati Km zero
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4