giovedì 23 febbraio | 15:36
pubblicato il 09/ott/2011 09:53

Tangenti/Iniziato a Monza interrogatorio Penati

Era stato l'ex esponente del pd a chiedere di essere sentito

Tangenti/Iniziato  a Monza interrogatorio Penati

Monza, 9 ott. (askanews) - Puntuale, Filippo Penati si è presentato al comando della guardia di finanza di Monza per farsi sentire dai pubblici ministeri titolari dell'inchiesta su un presunto giro di tangenti per le aree ex Falk e Marelli di Sesto San Giovanni. L'ex esponente del pd, sospeso, è arrivato accompagnato dai suoi legali Nerio Diodà e Matteo Calori. Portava con sè un trolley nero dentro cui è pensabile ci siano carte che voglia mostrare ai pm. Era stato infatti lo stesso Penati a chiedere di essere sentito dalla procura che lo indaga per le ipotesi di concussione, corruzione e finanziamento illecito ai partiti, le stesse accuse per cui, ad agosto i pm avevano chiesto il suo arresto, poi rigettato dal gip. Poco dopo il suo arrivo, sono entrati negli uffici anche il pm Walter Mapelli e la collega Franca Macchia.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Campidoglio
Grillo: entro due giorni Raggi risolve questione di stadio Roma
Centrosinistra
Entro sabato gruppi ex Pd, pressing per convincere parlamentari
Governo
Renzi: governo fa cose importanti ma se ne parla poco
Roma
Grillo: Roma una bomba atomica, che pretendete da M5s?
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Sagrantino Montefalco, festeggia 25 anni dalla DOGC
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech