lunedì 16 gennaio | 20:49
pubblicato il 20/apr/2011 17:38

Tangenti/ Lega sospende i due assessori del bresciano arrestati

Boni: "Chi sbaglia paga, in Lega questi reati non ipotizzabili"

Tangenti/ Lega sospende i due assessori del bresciano arrestati

Milano, 20 apr. (askanews) - Sono stati sospesi dalla Lega i due amministratori del Carroccio arrestati oggi con l'accusa di aver preso una tangente di 22mila euro per "alleggerire" i controlli e realizzare un centro commerciale in un terreno sottoposto a vincolo paesaggistico ambientale. Lo ha reso noto il segretario provinciale della Lega nord di Brescia Stefano Borghesi, che ha affermato: "Abbiamo piena fiducia nella magistratura e ci auguriamo che la vicenda possa essere chiarita nel più breve tempo possibile". Netto il commento del presidente del Consiglio regionale lombardo Davide Boni: "Nella Lega reati di questo genere non sono ipotizzabili. Cose del genere non sono mai successe", ha detto Boni a margine della presentazione del candidato leghista alle elezioni comunali milanesi Massimiliano Bastoni. "Chi sbaglia paga - ha ripetuto - e il militante leghista che fa amministrazione pubblica deve avere più paura del movimento che della magistratura". Una presa di distanze immediata, in attesa del giudizio del "capo" Umberto Bossi che si preannuncia altrettanto netto, per una condotta che, se confermata dai giudici, la Lega ha sempre rivendicato come totalmente estranea al suo spirito di servizio ai cittadini. Il forte "legame con il territorio" e "l'onestà" degli amministratori leghisti sono infatti due elementi su cui il Carroccio ha da sempre costruito il proprio elemento distintivo. Ecco perché l'arresto dell'assessore leghista ai Lavori Pubblici del Comune di Castel Mella, Mauro Galeazzi, 48 anni, e del capoufficio tecnico dello stesso Comune Marco Rigosa, 45 anni, che è anche assessore sempre per la Lega a Rodengo Saiano, comune comunque estraneo alla vicenda, ha irritato molti nella Lega. E se il ministro Roberto Calderoli, impegnato a Roma, e il suo collega Roberto Maroni per ora non commentano, nel Carroccio si coglie una certa irritazione per la "macchia" che la vicenda può portare a un patrimonio di "credibilità morale" costruito negli anni: " automatico che chi viene accusato di corruzione deve prima di tutto togliere dall'imbarazzo il movimento - ha aggiunto Boni - e poi, se ha sbagliato, deve pagare" perché "nella Lega abbiamo un codice interno molto forte e reati di questo genere non sono ipotizzabili".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Bersani: Renzi non ha capito lezione, così si sbatte di nuovo
Conti pubblici
Conti pubblici, blog Grillo: Gentiloni e Padoan si dimettano
Centrodestra
Salvini: se Berlusconi preferisce Renzi, meglio soli al voto
Conti pubblici
Ue sollecita manovra correttiva. Gentiloni vede Padoan
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello