giovedì 08 dicembre | 09:37
pubblicato il 01/mar/2016 14:20

Taglio stipendi e 5 milioni risparmi in primo bilancio Mattarella

I vertici della presidenza della Repubblica costano 1,2 mln in meno. Mentre aumenta la spesa per le pensioni

Taglio stipendi e 5 milioni risparmi in primo bilancio Mattarella

Roma, 1 mar. (askanews) - Nell'era di Sergio Mattarella il Colle risparmia 5 milioni di euro di spese, si tagliano gli stipendi - a cominciare da quello del Capo dello Stato fino ai suoi più stretti collaboratori per un totale di 2 milioni di euro di cui 1,2 solo dalle cariche più alte -, crescono le entrate dagli affitti degli alloggi di servizio, aumentati del 20%, si avvia la procedura che nel giro di due anni "sfratterà" chi non ha diritto a risiedere per ragioni di servizio in una delle belle case nei dintorni del Quirinale. Calano anche le spese per beni e servizi, che incidono per l'8,86% sul bilancio complessivo (meno 5% sull'anno precedente), ma continua a salire di circa l'1,2% nel 2016 ma fino a oltre il 4% nel 2018 la spesa per le pensioni e la previdenza.

Sergio Mattarella in prima persona contribuisce ai risparmi: fin dal maggio scorso il Capo dello Stato ha disposto il divieto di cumulo delle retribuzioni con trattamenti pensionistici erogati da pubbliche amministrazioni e questo ha comportato la riduzione del suo assegno, in corrispondenza dell'ammontare del suo trattamento pensionistico. Con l'introduzione del divieto di cumulo nell'ambito della Presidenza della Repubblica diversi Consiglieri del Capo dello Stato svolgono le loro funzioni senza compenso, mentre per altri il compenso risulta fortemente ridotto. Il segretario generale, Ugo Zampetti, aveva già rinunciato autonomamente a ogni compenso al momento dell'assunzione dell'incarico. Questo e altri provvedimenti hanno consentito un risparmio di oltre 2 milioni di euro, pari all'1,84%, rispetto alla previsione iniziale del bilancio 2015: si è passati da 122.643.000 euro a 120.381.000 e sono previste altre riduzioni anche per il biennio 2017-2018. Inoltre, il divieto di cumulo, introdotto all'inizio del nuovo settennato, si è sommato ai provvedimenti del 2014, che avevano recepito il limite di 240.000 euro annui lordi come stipendio massimo possibile.

Dunque le uscite calano: per il 2016 si passa da 241 milioni a 236 milioni, mentre il contributo statale, che rappresenta la "principale fonte di finanziamento", resta confermato ai 224 milioni previsti per il 2015. Cifra che resta immutata anche per gli anni 2017 e 2018. Le principali voci di spesa dell'Amministrazione riguardano retribuzioni, per oltre il 50%, pensioni e beni e servizi. L'intento di razionalizzare e ridurre le spese è stato portato avanti nonostante la decisione di ampliare l'apertura al pubblico delle sedi della Presidenza della Repubblica, a partire dal Palazzo del Quirinale: da giugno 2015 sino a fine anno si sono registrati circa 64.000 visitatori.

Quanto alle pensioni la spesa di 93 milioni di euro per il 2016 rappresenta quasi il 40% delle uscite ed è destinata a crescere registrando per l'anno in corso un aumento dell'1,29 e ancora del 3,67% per il 2017 e del 4,02% per il 2018.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fi
Fi, Berlusconi ricoverato. Zangrillo: stress, a breve dimesso
Pd
Pd, Orfini: ok sostegno militanti ma sia senza rabbia
L.Bilancio
L.Bilancio, governo pone fiducia in aula Senato su art.1
Governo
Consultazioni Mattarella fino a sabato, chiudono Fi M5s e Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni