lunedì 27 febbraio | 04:41
pubblicato il 03/ott/2014 14:04

Taddei (Pd): su jobs act e fiducia al Senato Renzi decide oggi

"Decreto poco probabile",scelta fra odg e emendamento con fiducia

Taddei (Pd): su jobs act e fiducia al Senato Renzi decide oggi

Roma, 3 ott. (askanews) - "Oggi è la giornata del chiarimento da parte del Governo sulle procedure che intende seguire al Senato" sul jobs act per centrare "l'obiettivo che resta confermato" di un voto sulla riforma del mercato del lavoro e dell'art.18 dello statuto dei lavoratori "entro la prossima settimana". Lo ha affermato il responsabile economia e lavoro del Pd Filippo Taddei, rispondendo sulle ragioni degli impegni sopravvenuti del premier Matteo Renzi a palazzo Chigi che gli hanno impedito di partecipare a Milano alla firma dell'accordo Anticorruzione-Ocse sull'Expò da parte di Cantone e Gurria.

"Ci sono tutte le condizioni - ha detto Taddei, ospite di una trasmissione a Radio Città Futura - perchè nella giornata di oggi il Governo possa fare la sua scelta e prendere le sue decisioni. Non sta a me entrare nel merito, nè prevederle o anticiparle. Ma posso dire che il segnale che deve venire e che sono certo verrà è che, come dimostrato dalle conclusioni della direzione del Pd di lunedì scorso, questa volta in questo Paese è possibile una riforma seria, veloce e chiara del mercato del lavoro che è la risposta che dobbiamo alla crisi che stiamo vivendo". Escludendo però il ricorso al decreto legge, da lui considerato "sempre possibile ma altamente improbabile".

Tutt'altra, invece, la risposta di Taddei sulla possibilità del ricorso alla fiducia, qualora la scelta del Governo resti quella dell'emendamento e non dell'ordine del giorno, come prospettato dall'accordo interno alla direzione del Pd. "La decisione sulla fiducia è del governo - ha detto il responsabile Lavoro del Pd - ed ormai è nelle condizioni di fare le sue valutazioni". Con la convinzione che sia "fisiologica e non preoccupante" la protesta contro l'emendamento concordato nel solo Pd, venuta dal fronte centrista della maggioranza con in testa l'Ncd del ministro Angelino Alfano.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Veltroni: la sinistra divisa consegna l'Italia al polulismo
Pd
Renzi: D'Alema non ha mai digerito rospo, scissione Pd colpa sua
Governo
Governo, Alfano: non va stroncato per vicenda interna al Pd
Governo
Renzi: elezioni nel 2018, deciderà Gentiloni se votare prima
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech