lunedì 27 febbraio | 01:00
pubblicato il 03/ott/2013 13:44

Tabacco: proposta modifica direttiva Ue a rischio bocciatura

(ASCA) - Bruxelles, 3 ott - La proposta di modifica della direttiva europea sul tabacco rischia di essere bocciata dall'Aula del Parlamento europeo, che votera' il provvedimento la settimana prossima in occasione della sessione plenaria di Strasburgo. Ppe, Eld ed Ecr hanno presentato emendamenti che rispondono alle richieste dell'industria del settore, S&D, Gue e Verdi restano invece a sostegno delle proposte di revisione della Commissione Ue.

Saranno dunque i liberali dell'Alde a determinare l'esito finale, ma le premesse non sono delle migliori. Fu proprio l'Alde a sostenere, il mese scorso, la proposta di rinvio del voto di Ppe ed Ecr, bollata come vittoria delle lobby dagli altri gruppi parlamentari. Le modifiche alla direttiva dovevano essere votata nella sessione di Strasburgo di settembre, e invece il voto si terra' la prossima settimana.

S&D, Verdi e Gue hanno denunciato il cambio di calendario come il tentativo delle lobby di annacquare il testo. Accuse che sembrano confermate dagli emendamenti di Ppe ed Ecr, dove si propone di non mettere al bando il commercio delle sigarette 'slim' (la Commissione propone lo stop delle vendite), si propongono deroghe al commercio delle sigarette aromatizzate, soprattutto quelle al mentolo, e addirittura - in altri casi - di non prevederne divieti di compra-vendita (la Commissione e' per lo stop alle vendite anche per le sigarette aromatizzate), e si propone di limitare al 50% della superficie delle confezioni di sigarette e tabacco i messaggi anti-fumo (nella proposta della Commissione e' il 75%). L'Alde, gruppo ritenuto ago della bilancia, su quest'ultimo punto propone un'estensione dei messaggi di dissuasione pari al 65% della superficie degli involucri, una sorta di compromesso tra le richieste dell'Ue e quelle dell'industria. Ppe ed Eld hanno presentato anche emendamenti - che il gruppo Ecr ha gia' dichiarato di voler votare - contro le restrizione sull'uso di additivi, e dei tre parametri di nicotina, condensato e monossido di carbonio (la Commissione prevede lo stop all'uso di additivi di ogni genere, compresi ammoniaca e polonio, e tetti per le tre sostanze solitamente indicate sulle confezioni).

bne/cam

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Veltroni: la sinistra divisa consegna l'Italia al polulismo
Pd
Renzi: D'Alema non ha mai digerito rospo, scissione Pd colpa sua
Governo
Governo, Alfano: non va stroncato per vicenda interna al Pd
Governo
Renzi: elezioni nel 2018, deciderà Gentiloni se votare prima
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech