domenica 11 dicembre | 09:50
pubblicato il 03/ott/2013 13:44

Tabacco: proposta modifica direttiva Ue a rischio bocciatura

(ASCA) - Bruxelles, 3 ott - La proposta di modifica della direttiva europea sul tabacco rischia di essere bocciata dall'Aula del Parlamento europeo, che votera' il provvedimento la settimana prossima in occasione della sessione plenaria di Strasburgo. Ppe, Eld ed Ecr hanno presentato emendamenti che rispondono alle richieste dell'industria del settore, S&D, Gue e Verdi restano invece a sostegno delle proposte di revisione della Commissione Ue.

Saranno dunque i liberali dell'Alde a determinare l'esito finale, ma le premesse non sono delle migliori. Fu proprio l'Alde a sostenere, il mese scorso, la proposta di rinvio del voto di Ppe ed Ecr, bollata come vittoria delle lobby dagli altri gruppi parlamentari. Le modifiche alla direttiva dovevano essere votata nella sessione di Strasburgo di settembre, e invece il voto si terra' la prossima settimana.

S&D, Verdi e Gue hanno denunciato il cambio di calendario come il tentativo delle lobby di annacquare il testo. Accuse che sembrano confermate dagli emendamenti di Ppe ed Ecr, dove si propone di non mettere al bando il commercio delle sigarette 'slim' (la Commissione propone lo stop delle vendite), si propongono deroghe al commercio delle sigarette aromatizzate, soprattutto quelle al mentolo, e addirittura - in altri casi - di non prevederne divieti di compra-vendita (la Commissione e' per lo stop alle vendite anche per le sigarette aromatizzate), e si propone di limitare al 50% della superficie delle confezioni di sigarette e tabacco i messaggi anti-fumo (nella proposta della Commissione e' il 75%). L'Alde, gruppo ritenuto ago della bilancia, su quest'ultimo punto propone un'estensione dei messaggi di dissuasione pari al 65% della superficie degli involucri, una sorta di compromesso tra le richieste dell'Ue e quelle dell'industria. Ppe ed Eld hanno presentato anche emendamenti - che il gruppo Ecr ha gia' dichiarato di voler votare - contro le restrizione sull'uso di additivi, e dei tre parametri di nicotina, condensato e monossido di carbonio (la Commissione prevede lo stop all'uso di additivi di ogni genere, compresi ammoniaca e polonio, e tetti per le tre sostanze solitamente indicate sulle confezioni).

bne/cam

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Di Battista:risponderemo a colpi piazza a tentativo fermare M5s
Governo
Di Maio: no a Gentiloni o altro Avatar per salvare la banca Pd
Governo
Renzi al Pd esclude restare,Gentiloni tiene ma partita non chiusa
Governo
Speranza al Pd: indispensabile una scelta di discontinuità
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina