venerdì 20 gennaio | 09:31
pubblicato il 27/nov/2013 14:23

Sud: Svimez, Stato non sa quanto spende per sviluppo

Sud: Svimez, Stato non sa quanto spende per sviluppo

(ASCA) - Roma, 27 nov - ''Nel bilancio dello Stato manca una chiara quantificazione delle risorse aggiuntive destinate allo sviluppo del Mezzogiorno, sia in termini di stanziamenti che di impegni e pagamenti. Per una migliore trasparenza e monitoraggio dei risultati delle politiche, occorrerebbe invece passare dal bilancio di competenza a quello di cassa, e introdurre in ogni capitolo di spesa la destinazione territoriale Mezzogiorno/Centro-Nord''. E' la proposta del Consigliere della Svimez e del Cnel Manin Carabba emersa nel corso del seminario 'Programmazione di bilancio, spesa ordinaria e Mezzogiorno' che si e' tenuto in sede a Roma.

''Se il bilancio statale e' il documento in cui si traducono in numeri concreti le scelte politiche, anche in materia di riduzione degli squilibri territoriali - continua Carabba - occorrerebbe una classificazione che articoli le spese in relazione alle politiche, e non ai settori. Essendo inoltre la spesa aggiuntiva destinata allo sviluppo del Sud per sua natura intersettoriale, spesso si confonde con gli stanziamenti delle politiche ordinarie''. Altro limite viene dal bilancio di competenza, che finisce per porre lo stesso Parlamento nella condizione di non conoscere l'impatto delle misure che va ad approvare.

Per lo Svimez, va sfatato il mito secondo cui il Mezzogiorno sarebbe inondato di risorse. Dai dati 2012, emerge che solo il 27,6% del totale nazionale della spesa ordinaria e' attribuibile al Mezzogiorno, mentre la spesa aggiuntiva e' ferma al 67,3% del totale, ben lontana dalla percentuale dell'85% stabilita dalla legge. In piu', la distribuzione territoriale della spesa pubblica complessiva in conto capitale delle amministrazioni pubbliche mostra una quota del Mezzogiorno sul totale pari al 35,9% nel 2012, ben al di sotto del peso del Mezzogiorno in termini di valore medio tra popolazione e superficie (38%). Infine, la spesa pro capite del Sud e' piu' bassa del Centro-Nord. Escludendo la spesa degli enti previdenziali, la spesa pro capite al Sud nel 2011 e' risultata pari al 92% del livello pro capite del Centro-Nord. Negli ultimi anni, dal 2007 al 2012, nelle regioni a statuto ordinario le spese correnti sono diminuite al Sud in media del 2,1%, nel Centro-Nord dell'1,2%.

red/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terremoti
Terremoto, Salvini: il trombato Errani commissario è demenziale
Terremoti
Blog Grillo: col cuore in Abruzzo. E' il momento di essere uniti
Terremoti
Terremoto, Gentiloni presiede a Rieti vertice Protezione Civile
Terremoti
Terremoto, Salvini in Abruzzo: chiedo a Gentiloni 100mln di euro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale