giovedì 08 dicembre | 01:48
pubblicato il 27/nov/2013 14:23

Sud: Svimez, Stato non sa quanto spende per sviluppo

Sud: Svimez, Stato non sa quanto spende per sviluppo

(ASCA) - Roma, 27 nov - ''Nel bilancio dello Stato manca una chiara quantificazione delle risorse aggiuntive destinate allo sviluppo del Mezzogiorno, sia in termini di stanziamenti che di impegni e pagamenti. Per una migliore trasparenza e monitoraggio dei risultati delle politiche, occorrerebbe invece passare dal bilancio di competenza a quello di cassa, e introdurre in ogni capitolo di spesa la destinazione territoriale Mezzogiorno/Centro-Nord''. E' la proposta del Consigliere della Svimez e del Cnel Manin Carabba emersa nel corso del seminario 'Programmazione di bilancio, spesa ordinaria e Mezzogiorno' che si e' tenuto in sede a Roma.

''Se il bilancio statale e' il documento in cui si traducono in numeri concreti le scelte politiche, anche in materia di riduzione degli squilibri territoriali - continua Carabba - occorrerebbe una classificazione che articoli le spese in relazione alle politiche, e non ai settori. Essendo inoltre la spesa aggiuntiva destinata allo sviluppo del Sud per sua natura intersettoriale, spesso si confonde con gli stanziamenti delle politiche ordinarie''. Altro limite viene dal bilancio di competenza, che finisce per porre lo stesso Parlamento nella condizione di non conoscere l'impatto delle misure che va ad approvare.

Per lo Svimez, va sfatato il mito secondo cui il Mezzogiorno sarebbe inondato di risorse. Dai dati 2012, emerge che solo il 27,6% del totale nazionale della spesa ordinaria e' attribuibile al Mezzogiorno, mentre la spesa aggiuntiva e' ferma al 67,3% del totale, ben lontana dalla percentuale dell'85% stabilita dalla legge. In piu', la distribuzione territoriale della spesa pubblica complessiva in conto capitale delle amministrazioni pubbliche mostra una quota del Mezzogiorno sul totale pari al 35,9% nel 2012, ben al di sotto del peso del Mezzogiorno in termini di valore medio tra popolazione e superficie (38%). Infine, la spesa pro capite del Sud e' piu' bassa del Centro-Nord. Escludendo la spesa degli enti previdenziali, la spesa pro capite al Sud nel 2011 e' risultata pari al 92% del livello pro capite del Centro-Nord. Negli ultimi anni, dal 2007 al 2012, nelle regioni a statuto ordinario le spese correnti sono diminuite al Sud in media del 2,1%, nel Centro-Nord dell'1,2%.

red/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fi
Fi, Berlusconi ricoverato. Zangrillo: stress, a breve dimesso
Pd
Pd, Orfini: ok sostegno militanti ma sia senza rabbia
L.Bilancio
L.Bilancio, governo pone fiducia in aula Senato su art.1
Governo
Consultazioni Mattarella fino a sabato, chiudono Fi M5s e Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni