domenica 22 gennaio | 01:03
pubblicato il 26/lug/2013 16:01

Sud: Svimez, nel 2013 manovre pesano di piu'. Tolgono 1,5% pil

(ASCA) - Roma, 26 giu - Le manovre pesano di piu' al Sud - In un generale contesto di crisi recessiva, le manovre effettuate dal 2010 ad oggi dai vari Governi (il cui valore cumulato arriva a 106 miliardi di euro nel 2014) hanno un impatto complessivo sul Pil piu' pesante nel Mezzogiorno rispetto al Centro Nord, secondo stime Svimez effettuate su documenti ufficiali di finanza pubblica. Il peso sul Pil sarebbe infatti, per il triennio 2012- 2014 del 6,5% a livello nazionale, ma assai differente a livello territoriale: 5,9% nelle regioni centro settentrionali e addirittura dell'8,8% in quelle meridionali. Gran parte di questa differenza e' dovuta ai tagli alle spese operati dai Governi, il cui peso ha inciso per il 2,9% al Centro-Nord e per ben il 5,7% al Sud. Le manovre considerate nei loro effetti diretti e indiretti tolgono nel solo 2013 l'1,5% del Pil al Sud e lo 0,9% al Centro-Nord.

rus/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4