venerdì 09 dicembre | 04:53
pubblicato il 26/set/2013 16:38

Sud: Conferenza Regioni, ok slittamento per interventi strategici

(ASCA) - Roma, 26 set - Slittamento di un anno delle scadenze previste per tutti gli interventi programmati a valere sulle risorse del Fondo per lo sviluppo e la coesione e assegnate con delibere del Cipe per il finanziamento di interventi di carattere strategico regionale in materia ambientale e il finanziamento di infrastrutture strategiche nazionali, interregionali e regionali per lo sviluppo del Mezzogiorno. E', questo, lo straordinario risultato concordato oggi dalla Conferenza delle Regioni su proposta della Regione Molise. I nuovi termini sono stati fissati al 31 dicembre 2014. La Regione Molise, dunque, promotrice del differimento dei termini per l'assunzione delle obbligazioni giuridicamente vincolanti che includono, tra le altre, anche quelle relative alla ricostruzione post sisma e alla prevenzione dei rischi da dissesto idrogeologico. Una richiesta strategica, quella avanzata dal Molise e condivisa e sostenuta da tutte le altre realta' del Mezzogiorno, che consente alle amministrazioni regionali di intervenire, secondo quanto previsto dalla norma, con rigore e precisione nella predisposizione degli interventi programmati, la cui stessa natura richiede un iter complesso e articolato. ''Oggi scriviamo una bella pagina di solidarieta' nella condivisione dei problemi e nell'individuazione delle soluzioni migliori. La Conferenza delle Regioni ha accolto una richiesta essenziale per il nostro Molise e per tutto il Mezzogiorno''. Il governatore Paolo di Laura Frattura ringrazia cosi' i presidenti che hanno approvato il differimento del termine prima fissato al 31 dicembre 2013 per le risorse del Fsc assegnate con le delibere Cipe 62/2011, 78/2011, 7/2012, 8/2012 e 60/2012. ''Ci siamo fatti portavoce di un'esigenza fondamentale per tutto il Mezzogiorno - spiega da Roma Frattura -. Pur nella condivisione degli obiettivi di urgenza e di accelerazione della spesa degli obiettivi fissati con il Fondo per lo sviluppo e la coesione, abbiamo preso atto delle difficolta' evidenti a rispettare il termine previsto per il prossimo 31 dicembre per tutti gli interventi programmati a valere sulle risorse assegnate dal Cipe. Ci siamo resi conto per tempo che in questi pochi mesi ancora a disposizione non saremmo riusciti ad attuare tutto quanto previsto. Si tratta infatti di interventi prioritari, tutti di rilevanza strategica per il Sud, e per questo sottoposti a rigorose modalita' di programmazione delle risorse, come la sottoscrizione degli Accordi di programma quadro rafforzati e i Contratti istituzionali di sviluppo.

Strumenti, questi, vincolanti ai fini dell'attivazione stessa degli interventi. Senza tralasciare - evidenzia il presidente Frattura -, i limiti del patto di stabilita' interna. Per queste ragioni, la nostra Regione, grazie all'intervento diretto dell'assessore Pierpaolo Nagni, ha deciso di sottoporre al vaglio della Commissione infrastrutture mobilita' e governo del territorio la richiesta di un posticipo dei termini di un anno.

La nostra richiesta, sostenuta e argomentata con motivazioni serie, e' stata accolta con favore da tutte le altre Regioni del Mezzogiorno che ne hanno condiviso necessita' e valore.

La Conferenza l'ha licenziata dando cosi' alta prova di solidarieta''', riconosce Paolo Frattura.

''Da parte nostra - prosegue il governatore -, ci siamo impegnati, e lo faremo, ad accelerare le procedure e la spesa delle risorse del Fondo per lo sviluppo e la coesione. Per il nostro Molise si aprono prospettive di respiro vitale soprattutto per la ricostruzione post sisma. Tra le delibere per le quali abbiamo ottenuto il differimento dei termini per l'assunzione delle obbligazioni vincolanti c'e' la 62/2011 che assegna le risorse per completare la ricostruzione post terremoto, vincolate tutte alla sottoscrizione di Apq.

Abbiamo adesso il tempo necessario per agire secondo quanto previsto dalla legge con l'obiettivo prioritario di dare risposte ai nostri cittadini e alle nostre imprese'', conclude il presidente della Regione. Nello specifico, per quanto riguarda la Regione Molise, lo slittamento delle scadenze ricomprende il finanziamento degli interventi di carattere strategico regionale ai fini della prevenzione e della mitigazione dei rischi da dissesto idrogeologico (delibera Cipe 8/2012) e il finanziamento degli interventi di rilievo nazionale e interregionale e di rilevanza strategica regionale prioritari per lo sviluppo del Mezzogiorno (delibera Cipe 62/2011).

Il percorso avviato nella Conferenza delle Regioni si concludera' con il passaggio definitivo al Cipe. rus/sam/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Pontassieve riaccoglie Renzi: "non molli ora, deve andare avanti"
Governo
Mattarella apre consultazioni,l'arbitro silente debutta in campo
Governo
Renzi domani torna a Roma, oggi pranzo dal padre e poi a Messa
Governo
Crisi, Grillo: elezioni subito senza scuse, legge elettorale c'è
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni