martedì 17 gennaio | 14:53
pubblicato il 08/ago/2015 14:32

Su riforme Fi apre al confronto. Zanda li tenta con compromesso

Presidente senatori Pd: listino ad hoc per senatori-consiglieri

Su riforme Fi apre al confronto. Zanda li tenta con compromesso

Roma, 8 ago. (askanews) - L'appuntamento ormai è a settembre, quando il Parlamento riaprirà i battenti. Ma sulle riforme costituzionali resta alta l'attenzione il giorno dopo l'annuncio della valanga di oltre mezzo milione di emendamenti, che mette a rischio il cammino del ddl Boschi e la tenuta della maggioranza in Senato. Preoccupa infatti l'ampio fronte trasversale sull'elezione diretta dei senatori che rischia di creare difficoltà al governo. Fronte in cui si sono saldate, a sorpresa, non solo le forze di opposizione e la minoranza dem ma anche Fi e altre componenti di maggioranza.

Sulla carta è arrivato a 176 il numero dei senatori che potrebbero votare a favore degli emendamenti per il Senato elettivo. Matteo Renzi è convinto che "la maggioranza non è mai mancata e mai mancherà", ma quel numero "vuol dire crisi istituzionale", avverte Il Mattinale, la nota politica del gruppo di Fi alla Camera, che chiama in causa il capo dello Stato.

A mettere in campo una "ipotesi di compromesso" è stato il capogruppo del Pd in Senato Luigi Zanda: "Prevedere forme di elezione strutturalmente diretta dei consiglieri regionali, segnalati agli elettori in un listino ah hoc ed esplicitamente candidati a fare i senatori", ha spiegato in un'intervista al Sole 24 ore. E rivolto ai dissidenti dem, ha avvertito: "Il confronto e il dibattito fanno parte della storia del centrosinistra e la discussione per noi è un valore aggiunto", ma "la battaglia si fa nel partito, non sui provvedimenti in Parlamento".

A parte l'aiuto che potrà avvenire dagli ex azzurri di Verdini, gli occhi sono puntati sul dialogo con Forza Italia e su eventuali condizioni che Berlusconi potrà porre per sedere a un nuovo tavolo. Sulle riforme "dobbiamo parlare con tutti. Intendo proprio con tutti", ha detto la vicesegretaria del Pd, Debora Serracchiani. E dalle file dei forzisti Giovanni Toti ha fatto sapere: "Forza Italia deve essere pronta a sedere a tutti i tavoli di confronto che il governo intende aprire. Mi auguro che Renzi voglia interrompere questo cammino autarchico che lo sta portando a compiere parecchi errori".

Renzi apra sul Senato elettivo e Fi è pronta a lavorare per un ok "in tempi rapidi" alla riforma costituzionale, ha assicurato il presidente dei senatori Paolo Romani. "Al premier, che corre il pericolo di non avere i numeri, dico di non avere paura ad aprire a queste modifiche e di fare i conti col buonsenso". Per Romani "il Patto del Nazareno è morto, escludo categoricamente che possano esserci le condizioni per un secondo patto tra Berlusconi e il segretario del Pd". In ogni caso, "le riforme si possono sempre scrivere insieme al Pd e a tutte le altre forze politiche responsabili presenti in Parlamento", è il suo messaggio.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Conti pubblici
Ue sollecita manovra correttiva. Gentiloni vede Padoan
Quirinale
Mattarella da oggi in Grecia in visita ufficiale
Centrodestra
Salvini sfida Berlusconi su leadership. Cav: io ancora decisivo
Conti pubblici
Ue vuole manovra bis Italia, Gentiloni mercoledì da Merkel
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Vola il mercato dell'auto nel 2016, crescita a due cifre per Fca
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda Milano, guardaroba Trussardi per l'uomo s'ispira ai tarocchi
Scienza e Innovazione
Spazio, quando Cernan disse: un sognatore tornerà sulla Luna
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa