lunedì 20 febbraio | 17:33
pubblicato il 29/lug/2015 19:46

Stop al rito abbreviato per reati gravi, Camera approva legge

Ok a larga maggioranza con astensione M5s, ora passa al Senato

Stop al rito abbreviato per reati gravi, Camera approva legge

Roma, 29 lug. (askanews) - L'aula della Camera, a larga maggioranza con 269 voti a favore, 27 contrari e con l'astensione dei deputati M5s, ha approvato le nuove norme sul processo abbreviato che ne escludono l'utilizzazione per i reati più gravi tassativamente indicvati dalla legge. La nuova legge passa ora al Senato. Due le caratteristiche della modifica all'articolo 438 del codice di procedura penale.

Stop abbreviato per reati gravi. Il rito abbreviato (con relativo sconto di pena) viene espressamente escluso per alcuni specifici reati di sangue o di particolare gravità. L'elenco è tassativo e comprende, ad esempio, strage, omicidio premeditato o aggravato da sevizie, violenze sessuali o motivi abietti, tratta di persone, sequestro di minori o a scopo estorsivo con morte dell'ostaggio. Per tali delitti l'imputato non potrà chiedere l'abbreviato se non subordinandolo a una diversa qualificazione dei fatti o all'individuazione di un reato diverso.

Abbreviato in corte d'assise. Per i reati di sua competenza l'abbreviato si svolgerà di fronte alla corte d'assise (oggi invece a decidere è sempre il giudice monocratico). Se la richiesta di abbreviato è accolta, gli atti dovranno dunque essere trasmessi alla corte competente.

"Escludere l'abbreviato per alcuni delitti di sangue particolarmente efferati risponde all'idea che la pena deve in qualche modo rapportarsi alla gravità dell'offesa: francamente cozza con il senso di giustizia riconoscere in automatico uno sconto di pena, solo per la scelta di un rito processuale, a chi commette un crimine feroce", ha commentato l'ok della Camera Donatella Ferranti, presidente della commissione Giustizia della Camera.

"Stiamo parlando di delitti - ha sottolineato l'esponente del Pd - come quello di strage, come l'omicidio commesso con violenza sessuale o abusi sui minori o aggravato da sevizie. Delitti come la tratta di persone o il sequestro di minori o di persone a scopo di estorsione cui consegue la morte dell'ostaggio". Insomma, "è una legge giusta, coerente - conclude Ferranti - con il riassetto del sistema punitivo che stiamo attuando in questa legislatura attraverso il rafforzamento da un lato dell'aspetto risocializzante della pena e dall'altro della tutela di vittime e parti offese".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Vertici M5s a Roma, possibile incontro Grillo-Raggi in Campidoglio
Pd
Renzi apre congresso Pd, minoranza accusa: "Sceglie scissione"
Sinistra
Nasce Sinistra italiana: "Da D'Alema non col cappello in mano"
Pd
Termina assemblea Pd, Orfini: "Congresso formalmente indetto"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia