lunedì 23 gennaio | 12:01
pubblicato il 28/ott/2014 17:12

Stato-mafia, legale di Riina: non fu il boss a volere le stragi

"Si prospettano ragioni di revisione della condanna"

Stato-mafia, legale di Riina: non fu il boss a volere le stragi

Roma, (askanews) - "Dall'esame del presidente della Repubblica è venuto fuori benissimo che negli attentati del '93 forze esterne a Cosa Nostra abbiano manovrato soggetti anche appartenenti a Cosa Nostra, perché ci sono le sentenze che lo dicono, per portare avanti quello che fu definito all'epoca un tentativo di colpo di Stato. Riina era arrestato da mesi e in isolamento". Così ha dichiarato Luca Cianferoni, difensore di Totò Riina al termine della testimonianza del presidente della Repubblica nell'ambito del processo sulla presunta trattativa Stato-mafia. "Si prospettano quindi ragioni di revisione della condanna per Riina per questi fatti in cui a lui è stato dato il ruolo di ideatore".

Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Governo
Gentiloni: D'Alema non aiuta la discussione, troppo polemico
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4