martedì 21 febbraio | 04:48
pubblicato il 28/ott/2014 17:12

Stato-mafia, legale di Riina: non fu il boss a volere le stragi

"Si prospettano ragioni di revisione della condanna"

Stato-mafia, legale di Riina: non fu il boss a volere le stragi

Roma, (askanews) - "Dall'esame del presidente della Repubblica è venuto fuori benissimo che negli attentati del '93 forze esterne a Cosa Nostra abbiano manovrato soggetti anche appartenenti a Cosa Nostra, perché ci sono le sentenze che lo dicono, per portare avanti quello che fu definito all'epoca un tentativo di colpo di Stato. Riina era arrestato da mesi e in isolamento". Così ha dichiarato Luca Cianferoni, difensore di Totò Riina al termine della testimonianza del presidente della Repubblica nell'ambito del processo sulla presunta trattativa Stato-mafia. "Si prospettano quindi ragioni di revisione della condanna per Riina per questi fatti in cui a lui è stato dato il ruolo di ideatore".

Gli articoli più letti
M5s
Vertici M5s a Roma, possibile incontro Grillo-Raggi in Campidoglio
Pd
Enrico Letta: Pd non può finire così, attonito da cupio dissolvi
Elezioni
Blog Grillo: pazienza italiani ha un limite, lasciateci votare
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia