mercoledì 07 dicembre | 23:30
pubblicato il 28/ott/2014 17:12

Stato-mafia, legale di Riina: non fu il boss a volere le stragi

"Si prospettano ragioni di revisione della condanna"

Stato-mafia, legale di Riina: non fu il boss a volere le stragi

Roma, (askanews) - "Dall'esame del presidente della Repubblica è venuto fuori benissimo che negli attentati del '93 forze esterne a Cosa Nostra abbiano manovrato soggetti anche appartenenti a Cosa Nostra, perché ci sono le sentenze che lo dicono, per portare avanti quello che fu definito all'epoca un tentativo di colpo di Stato. Riina era arrestato da mesi e in isolamento". Così ha dichiarato Luca Cianferoni, difensore di Totò Riina al termine della testimonianza del presidente della Repubblica nell'ambito del processo sulla presunta trattativa Stato-mafia. "Si prospettano quindi ragioni di revisione della condanna per Riina per questi fatti in cui a lui è stato dato il ruolo di ideatore".

Gli articoli più letti
Fi
Fi, Berlusconi ricoverato. Zangrillo: stress, a breve dimesso
L.Bilancio
L.Bilancio, governo pone fiducia in aula Senato su art.1
Pd
Pd, Orfini: ok sostegno militanti ma sia senza rabbia
Governo
Consultazioni Mattarella fino a sabato, chiudono Fi M5s e Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni