domenica 11 dicembre | 07:54
pubblicato il 11/lug/2014 12:38

Stato-mafia: Grasso, mi attendevo citazione come persone offesa

(ASCA) - Palermo, 11 lug 2014 - ''Pensavo che potessi essere citato, oltre che come teste, anche come persona offesa, visto che qualcuno ha detto che ero uno di quelli a cui dare un 'colpetto' per ravvivare la fiamma della trattativa''. Lo ha detto il presidente del Senato, Pietro Grasso, rispondendo come teste al processo sulla trattativa Stato-mafia, in corso nell'aula bunker del carcere Ucciardone di Palermo.

''Alla fine del '92, come ha detto Brusca, abbandonata la pista politica si voleva colpire il sottoscritto per riavviare la trattativa - ha proseguito Grasso -. Credevo di essere citato come persona offesa. E' una piccola annotazione, perche' non mi sarei costituito come parte civile''.

Da qui la replica del procuratore capo di Palermo, Francesco Messineo: ''Non stiamo celebrando un processo per mancata strage - ha detto -, ma per attentato a corpo politico dello Stato''.

pol/tmn

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Di Battista:risponderemo a colpi piazza a tentativo fermare M5s
Governo
Di Maio: no a Gentiloni o altro Avatar per salvare la banca Pd
Governo
Renzi al Pd esclude restare,Gentiloni tiene ma partita non chiusa
Governo
Speranza al Pd: indispensabile una scelta di discontinuità
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina