sabato 10 dicembre | 06:22
pubblicato il 16/mag/2013 17:33

Staminali:Bioeticista Pessina, no clonazione distruggendo embrione umano

(ASCA) - Roma, 16 mag - Parla di ''tragica gravita' dell'esperimento'', il bioeticista Adriano Pessina, Direttore del Centro di Ateneo di Bioetica dell'Universita' Cattolica, commentando lo studio relativo a un procedimento di clonazione analogo a quello attuato per far nascere la pecora Dolly. ''Cio' che fa la tragica differenza, rispetto al precedente esperimento - spiega - sono l'utilizzo di cellule umane e la formazione di un embrione umano per ottenere cellule staminali. Il cosiddetto scopo terapeutico, per ora soltanto prospettato, rispetto al precedente fine riproduttivo utilizzato nel caso della pecora Dolly, prevede che l'embrione umano sia poi distrutto per poter disporre delle cellule staminali stesse''.

''Il linguaggio scientifico - osserva Pessina - rende difficile far percepire a tutti in modo adeguato la tragica gravita' di questo esperimento che manifesta un'inaccettabile indifferenza rispetto al valore dell'esistenza umana nella sua fase iniziale. La clonazione di questo embrione e' la generazione di un essere umano, di fatto fratello gemello della persona da cui e' stata prelevata la cellula che, opportunamente manipolata, e' stata immessa nell'ovocita denucleato che ne ha permesso lo sviluppo. Non c'e' nessuna motivazione, ne' di ordine scientifico, ne' di ipotesi terapeutica, che renda legittimo dal punto di vista morale questa prassi. Non va nemmeno trascurato il fatto che questi esperimenti prevedano l'utilizzo di ovociti umani: possiamo ignorare che questo implica anche uno sfruttamento reale delle donne, utilizzate come produttrici di materiale biologico?''.

E aggiunge: ''Colpisce l'assenza di un'adeguata reazione etica da parte dell'intera comunita' scientifica internazionale che finge di non sapere che cio' che qui si e' generato e poi distrutto e' un essere umano. Nessuna futura prospettiva terapeutica rende legittima la generazione e distruzione di un essere umano. In Europa la Convenzione di Oviedo, articolo 18, proibisce esplicitamente ogni costituzione di un embrione umano a fini di ricerca: simili sperimentazioni invece sfuggono alle maglie larghe della legislazione americana''.

''La difesa dell'uomo fin dalle sue fasi embrionali e il divieto della manipolazione dell'origine della vita umana per qualunque scopo dovrebbero essere un imperativo dell'intera umanita', un risultato condiviso da tutti coloro che nella dichiarazione universale dei diritti dell'uomo hanno salutato l'emergere di una nuova consapevolezza in ordine ai principi di uguaglianza e non discriminazione che dovrebbero regolare ogni attivita', in primo luogo quella scientifica'', conclude lo studioso.

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi verso ok a governo Gentiloni, ma su data voto è rebus
Governo
Orlando: governo per andare al voto, ma Pd non lo fa da solo
Governo
Tosi al Colle: incarico a una figura dal profilo internazionale
Governo
Seconda giornata consultazioni da Mattarella, Gentiloni in pole
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina